29 gennaio 2013

Breve aggiornamento

Quasi due settimane che non scrivo nulla su questo spazio.
Mi scuso con voi, ma il periodo di esami lascia poca scelta.
Mi scuso col blog, non ho scritto nulla per i suoi tre anni.
Mi scuso col post, nemmeno il tempo di trovargli un'immagine decente.

Domani: esame di Storia dell'Illustrazione e esame scritto di competenza spagnola livello B2. Ieri fatto lo scritto del C1 di inglese.
Tra poche settimane: Storia della Fotografia e (se passo il rispettivo cla) Lingua Spagnola II.
Che culo...

Almeno sono tra gli ultimi esami della triennale.
Almeno mi sto decidendo a far di tutto per levare le tende una volta presa la laurea.

A presto!


E.

18 gennaio 2013

Last chance, fancy pants!


Ieri sera.
Tra citazioni a Sergio Leone e autocitazioni dello stesso Quentin ho avuto bisogno di salviette umide per tutta la durata della visione.
Spettacolo!
A caldo un bel 10 (senza lode perché devo riguardarlo).


Andate subito a vederlo!


E.

8 gennaio 2013

Pontilex.org oscurato!
Appello video dai blogger


Nel mentre, siti di informazione&dottrina come ilQuintuplo, Giovanni Zenone, La Voce di don Camillo, lo stesso Pontifex e molti altri rimangono online.
Sono il primo a sostenere la libertà d'espressione, ma quando si sconfina nel criminale ognuno deve prendersi le proprie responsabilità.
Perché sorridere è cattolico (cit.).
Ma andatemi affan...


E.

aggiornamento 09/01/2013, ore 00.07
Vedo che il sito è tornato online. Speriamo bene!

7 gennaio 2013

Ultimi libri letti nel 2012

Leggere, leggere, leggere. Più che una passione ormai è diventato una regola. È apprendimento, esigenza di conoscere, studio degli stili di scrittura.
Sono ormai anni che, senza la lettura notturna, non riesco nemmeno a dormire. Abitudine, ecco il nome. Essenziale esigenza per continuare a vivere. Quindi, ecco a voi i libri letti nelle ultime due settimane (forse anche meno) dell'appena passato 2012.


John Niven
A volte ritorno
«-Dio sta arrivando... Fate finta di lavorare!-
Così recita l'adesivo sbrindellato appiccicato allo schedario accanto al refrigeratore dell'acqua. Ma oggi c'è poco da ridere: Dio sta arrivando sul serio e la gente ce la mette davvero tutta per far finta di lavorare. Raffaello e Michele sono lì impalati accanto alla boccia gorgogliante dell'acqua con un fascio di scartoffie in mano (caro vecchio trucco da impiegati: come far sembrare affaccendato un fancazzista cronico) e la conversazione - invece della chiacchierata rilassata che i due angeli hanno sciorinato in quel punto esatto per tutta la settimana - è arrancante, frettolosa e pronunciata a mezza bocca, quasi sottovoce, accompagnata da continue occhiate nervose verso il corridoio principale.
-Quand'è che torna il vecchio?- chiede Raffaello.
-Da un momento all'altro. Tarda mattinata, secondo Jeannie,- risponde Michele senza nemmeno alzare lo sguardo. È concentrato sul refrigeratore dell'acqua: tira la levetta con forza e una grossa bolla risale il recipiente di cristallo.
-Porca miseria. Credi che sarà incazzato?-»1
Eretico, irriverente e deliziosamente blasfemo. La descrizione del romanzo di John Niven potrebbe fermarsi qui senza problemi. Aggiungerei che sarebbe il libro adatto alla fallimentare (che sfiga) casa editrice Fede & Cultura.
La storia è molto semplice: Dio, tornato da una vacanza di una settimana (cinque secoli terrestri), presa mentre l'umanità raggiungeva il suo culmine artistico e di pensiero del Rinascimento, si aggiorna sulle novità umane e nota come il mondo sia andato allegramente a puttane. La sua idea è semplice: ci vuole una seconda venuta di Gesù sulla Terra.
Mi fermo qui perché non voglio anticiparvi troppo. Posso solo dirvi che la lettura fila via liscia, anche grazie a un linguaggio semplice, a tratti volgare in modo squisito (come i cari Bill Hicks e George Carlin ci insegnano), e divertente come poche volte mi è capitato di poter leggere in un libro. Giuro, man mano che leggevo mi trovavo a concordare con molte delle supposizioni fatte dall'autore circa il pensiero di Dio verso l'uomo e soprattutto per le sue idee riguardo a omosessualità, marijuana e altre questioncelle tanto care ai nostrani (e non solo) cattolicani-bigottoni-negazionisti-attivisti-pro-life (qualcuno ha per caso nominato la santissima trinità Gibertini-Zenone-Pontifex?!).
Per finire, dico solo che non avrei mai pensato di trovare un libro allineato perfettamente con una mia vecchia lettera a Dio.
Suggerimenti: da accompagnare con la visione di qualche spettacolo di Bill Hicks e George Carlin, senza dimenticare il film Religiolus di Bill Maher.


Charles Bukowski
Post Office
«Cominciò per sbaglio.
Si era sotto Natale ed ero venuto a sapere dall'ubriacone che stava un po' più su, sulla collina, e che a Natale ci provava sempre, che avrebbero assunto più o meno chiunque, e così ci andai, e prima che potessi rendermi conto di quello che stava succedendo ero lì con la sacca di cuoio sulle spalle a girare tutto il giorno in lungo e in largo. Che lavoro, pensai. Facile! Leggero! Ti davano solo un paio di isolati e se finivi prima il postino fisso ti dava un altro isolato, oppure tornavi in ufficio ed era il capo a dartene un altro, ma tu te la prendevi comoda e dovevi solo infilare tutti quei cartoncini di auguri nelle cassette.»2
Il primo romanzo dello zio Buck.
Scritto in meno di un mese.
Un incipit pressoché prefetto.
Il protagonista, Henry Chinaski.
In questo libro lo zio Buk si confronta con il suo passato lavoro alle poste tramite il suo alter ego di sempre, Henry Chinaski.
Semi autobiografico, come sempre, Bukowski si distingue anche qui per la sua asciuttezza di linguaggio che porta al testo una fluidità senza pari. Alcol, donne, corse di cavalli e schifosi turni di lavoro come postino (prima) e impiegato (dopo) vi accompagneranno nell'estremo mondo - ma del tutto verosimile - dello scrittore che, forse, più di altri ha saputo fare a pezzi il mito del sogno americano.
Nient'altro da dire. Solo da leggere.


Richard Matheson
Io sono leggenda
«Nei giorni come quello, in cui il cielo era coperto di nuvole, Robert Neville non era mai sicuro di quanto mancava al tramonto e a volte li trovava già nelle strade, prima di riuscire a rientrare in casa.
Se non avesse avuto tanta avversione per la matematica, avrebbe potuto calcolare l'ora approssimativa del loro arrivo; invece, si atteneva ancora all'antica abitudine di regolarsi sul colore del cielo per stabilire la fine del giorno, e, nei pomeriggi senza sole, quel sistema non funzionava. Perciò, quando il cielo era grigio,, non osava allontanarsi troppo dalla sua abitazione.
Fece il giro della villeta nel cupo grigiore del pomeriggio; dall'angolo delle labbra gli penzolava una sigaretta, che si lasciava dietro una sottile scia di fumo. Controllò ogni finestra per vedere se qualcuna delle tavole era staccata. Dopo gli assalti più violenti, molte assi rimanevano scheggiate o danneggiate in altro modo e bisognava sostituirle. Un lavoro che odiava. Ma quel giorno ne trovò solo una traballante. Davvero una bella fortuna, si disse.»3
«Lo scrittore che mi ha influenzato più di ogni altro.» (Stephen King)
Non so se la citazione kinghiana sia vera o solo un espediente per vendere più copie, certo è che, leggendo il romanzo, si ha davvero l'impressione di leggere un opera firmato Stephen King. La ricerca psicologica del personaggio, il suo passato, le sensazioni e azioni del presente, i suoi pensieri riguardo al futuro sembrano aver fatto davvero da scuola per quello che oggi è considerato il re dell'horror contemporaneo.
Se ve lo siete procurato sperando di leggere la stessa storia vista nel film di recente produzione - 2007 - vi sbagliate di grosso. A parte il mondo popolato da strani vampiri, il virus globale e il nome del personaggio, la pellicola ha mantenuto il nulla rispetto al romanzo da cui è tratto.
Robert Neville non è un medico, non è un eroe solitario post apocalittico. È solo un uomo, e in quanto tale tenta ogni giorno che passa di sopravvivere e di scoprire le cause della sua umana solitudine sulla Terra.
Ve lo giuro: quando avrete finito il libro scoprirete come il titolo abbia finalmente un senso compiuto, ben lontano dagli echi epici ed eroicizzanti donatigli dal film.
Se vi piace il genere, ne rimarrete deliziati. Parola di Secco.



E i vostri ultimi libri, quali sono stati?
Bene, non mi resta che salutarvi e sperare che abbiate gradito queste umilissime quattro righe.
A presto!


E.

1. John Niven, A volte ritorno, Giulio Einaudi editore S.p.A., Torino, 2012, p. 11
2. Charles Bukowski, Post Office, TEA - Tascabili degli Editori S.p.A., Milano, 2012, p. 9
3. Richard Matheson, Io sono leggenda, Fanucci Editore, p. 6

5 gennaio 2013

Portici, Moleskine e grande G

sottofondo: The Doors - Alabama Song (Whiskey bar)

24/12/2012
pub I Portici
«Un po' di esercizio non fa mai male, soprattutto se la storia che stai portando avanti a fatica parla per il momento di uno scrittore che scrive in un bar, e tu ti trovi in un bar. Solo. I quaderni nella borsa.
Non so ancora quanto tempo avrò a disposizione, ma tanto vale tentare qualcosa. Chissà, potrebbe venirne fuori qualche spunto interessante.
Una pinta di grande G è al bancone a farsi spinare. Io l'aspetto con ansia.
So benissimo che il discorso "Ehi, sono uno scrittore e bevo come un ludro perché mi aiuta a scrivere" è, per la maggior parte dei casi, una leggenda metropolitana. Qualcosa per la quale potresti passare come un gran figo agli occhi del primo intellettualino dilettante di turno. Tuttavia credo che una pinta, anche due, di grande G mi aiuterà ad andare avanti. Non tanto per me, ma è la birra preferita dal personaggio che sto faticando tanto a creare.
Dannato HEM, penso che mi porterà via più di qualche anno di vita. Il rischio più grande è che pian piano io mi trasformi in lui. Non è per esagerare, ma può succedere.
A pensarci bene, forse è per questa mia paura che non riesco a entrare nel suo profondo come vorrei.
Ecco gli amici.
Scrittura finita, ma va bene così.
E intanto la grande G non è ancora arrivata.
ILARIAAAAA!»1

E.

1. MOLR1, pp. 96-7

2 gennaio 2013

Un 2012 di musica secondo Lastfm


Primo post del 2013. E c'è voglia di musica, anche solo per distrarsi un minuto da ciò che si sta studiando o come semplice sottofondo durante le lunghe ore da passare, chini e perdendo mano a mano la vista, sui libri.
Ricordo anche che, nell'estate 2011, mi era venuto in mente di pubblicare sul blog la lista degli album che ascoltavo; progetto che poi abbandonai dopo un paio di post in quanto tener nota di artisti, album e canzoni richiedeva un bel po' di tempo e mi distraeva mentre studiavo (e, come leggerete, a tutto c'è una soluzione).

In materia di musica, il passato 2012 è stato molto interessante. Non tanto per il fatto che ho ascoltato un bel po' di roba, quella è una mia prerogativa, ma per come sono cambiati gli ascolti.
Al principiare dello scorso anno, decisi di ricominciare a utilizzare la funzione di scrobbling offerta da lastfm. Di cosa si tratta: scarichi e installi un programmino che raccoglie i dati delle canzoni che il player musicale riproduce per poi creare le tue personali classifiche. Una sorta di aNobii, però con motore pulsante la musica. E il bello è, almeno a parer mio, che sbirciando le classifiche degli altri utenti puoi scoprire nuovi artisti e gruppi mai ascoltati prima (e questo è sempre cosa buona e giusta).
Se questo servizio, gratuito, lo vedessimo come un meccanismo per conoscere nuova musica – e non solo per farci i cazzi degli altri – diremmo subito che è semplice quanto geniale. Ma si sa, questo discorso lo si può fare per ogni tipo di social network.

Dico subito che, rispetto a quello che ascoltavo fino a un 6 anni fa, c'è stato un grosso cambiamento, ma diamo subito un'occhiata alla mia personale Top 15, gentilmente offerta dalla mia pagina su lastfm.it:

  1. Muse
  2. Quentin Tarantino (Ost di tutti i film)
  3. Hans Zimmer
  4. Folkstone
  5. Black Label Society
  6. Cradle of Filth
  7. Linkin Park
  8. Black Stone Cherry
  9. Dropkick Murphys
  10. Alter Bridge
  11. Pink Floyd
  12. The Doors
  13. Fabrizio De André
  14. Queen
  15. Stone Sour

Il bello sarebbe essere già al primo gennaio 2014, per vedere come la Top 15 si è ulteriormente evoluta.
A presto, carissimi!


E.