2 aprile 2013

Profumo di donna o Scent of a Woman?

ovvero, Al Pacino o Vittorio Gassman?



L'idea per questo post mi venne l'8 marzo, ma poi per una cosa o per l'altra ho dovuto desistere dal pubblicarlo. L'abbozzo è rimasto nella sezione 'bozze' per un bel po' a quanto pare, e solo oggi ho avuto l'ispirazione giusta per procedere.
Quello che vi propongo è una sorta di confronto tra due pellicole, con lo stesso soggetto e prodotte in due paesi molto distanti tra loro. Sto parlando di Profumo di donna e Scent of a Woman. Il primo, film del 1974, italiano e con un grande Vittorio Gassman nella parte del cieco Capitano Fausto Consolo. Il secondo risale invece al 1992, con un magistrale Al Pacino (doppiato da Giancarlo Giannini) nelle vesti del cieco Tenente Colonnello Frank Slade. Il soggetto è, in entrambi i casi, tratto dal romanzo Il buio e il miele, di Giovanni Arpino (e prima o poi dovrò anche leggerlo).
Se non siete a conoscenza delle pellicole ecco per voi due brevi estratti:



Titolo: Scent of a Woman
Durata: 150 minuti
Regia: Martin Brest
Paese: USA
Anno: 1992
Oscar come migliore attore per Al Pacino (1975)



Titolo: Profumo di donna
Durata: 102 minuti
Regia: Dino Risi
Paese: Italia
Anno: 1974
Migliore interpretazione maschile per Vittorio Gassman (Festival di Cannes, 1975)


Per come la vedo io, entrambi gli attori danno prova di saperci fare, e alla grande anche. Penso che non siano paragonabili, in quanto si tratta comunque di due Maestri del cinema passato e presente; infatti apprezzo molto tutte e due le interpretazioni. Quindi, tornando alla domanda posta sia nel titolo che nel sottotitolo del post, io non ho una risposta.
E voi, cosa ne pensate?


E.

4 commenti:

  1. Non si può rispondere a questo post :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una bella lotta tra i due, eh?! :)

      E.

      Elimina
  2. Mi sono piaciuti entrambi i film. Per quanto riguarda il giudizio complessivo direi che quello americano è più riuscito. Ma se devo esprimere un parere tra i due protagonisti scelgo Gassman e non per campanilismo: semplicemente è stato un attore versatile e in qualsiasi contesto era a suo agio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mica male il tuo punto di vista :) Però non dimentichiamoci che quelle che elenchi sono tutte qualità che anche Pacino possiede.

      E.

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.