14 febbraio 2013

Università di Verona:
attacco neofascista durante l'incontro
"Foibe: tra mito e realtà"


Ebbene sì, avete letto bene.
È successo nel tardo pomeriggio di martedì 12 febbraio, durante l'incontro "Foibe: tra mito e realtà". Ospite dell'incontro e protagonista dell'incontro la storica Alessandra Kersevan, occupata da un vita nello studio della storia controversa, e piena di visioni discordanti, del confine che corre fra Friuli Venezia Giulia e la Slovenia.
Dopo vari disguidi e una partenza in ritardo, verso la fine dell'incontro stesso, i partecipanti hanno subito quella che negli ambienti di estrema destra viene messa sotto la categoria "pacifica contestazione" da parte di esponenti di Blocco Studentesco e CasaPound. Urli, insulti, spray urticanti e tanta paura per chi, in pace, si era recato in università per ascoltare una voce fuori dal coro.

Tutti i dettagli, raccontati dai partecipanti, potete trovarli qui:

Come avrete ben capito, oltre a darvi la notizia in modalità "struca, struca", non sono qui per raccontare l'intero accaduto. Mi piacerebbe, ma dovrei appoggiarmi a testimonianze che non sono mie; quindi l'articolo stesso non lo sentirei come mio (per conoscere i dettagli cliccate pure sui link che ho riportato sopra).
Sono qui per dire qualcosa ai cari e pacifici contestatori.
Sì, proprio a voi, cari esponenti di Blocco studentesco.
Proprio a voi, cari e annoiati figli di papà di CasaPound.
Proprio a voi, cari politicanti nostalgici dell'assolutismo dittatoriale.
Solo pecore, così occupate ad appecoronarsi alla nostalgia di un passato, per fortuna davvero passato, da non accorgersi che il pensiero più profondo che può uscire dalle loro menti è un semplice e squallido slogan. E questi siete voi.
Complimenti, buffoni.

Bella cosa lo squadrismo. Bella, proprio.


E.

2 commenti:

  1. Certe idiozie non moriranno mai: mi piacerebbe che qualcuno di quei ragazzotti che protesta provasse a vivere in quegli anni e vediamo se continuerebbe a fare il neofascista.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.