18 dicembre 2012

La cosa più bella
di Roberto Benigni


Non sono certo qui per offrirvi una recensione completa, con tanto di diretta su Twitter, de La cosa più bella, serata di Rai 1 durante la quale Roberto Benigni a cercato di spiegarci la storia e i 12 principi fondamentali della nostra costituzione.
In realtà sono qui solo per dire una cosa molto semplice: ebbene, sarei disposto a pagare anche dieci volte il valore del canone Rai pur di potermi godere un po' più spesso serate del genere. Qui lo dico e lo ripeto, e penso di aver risposto a quelli che già si lamentano del compenso percepito da Roberto.
Il giorno dopo, oggi, rimane solo il fatto che Benigni nei suoi discorsi ha toccato un po' tutti, quindi è normale che, sia da una parte che dall'altra, in queste ore si stiano levando voci di sdegno.
Quando la gente imparerà a togliersi le fette di prosciutto dalle orecchie e a ragionare per qualche minuto prima di sparare la sua - pur avendone tutto diritto - forse impareremo a farci fregare di meno. E qui, una nota speciale per tutti i comunistelli in ascolto: quando ha equiparato nazismo a comunismo, non parlava di ideologia comunista, ma del comunismo messo in atto da Stalin (e lo ha anche specificato). Bastava ascoltare.
Una piccola critica a Roberto però devo farla: purtroppo, quando ha affermato che in Europa non c'è una guerra da una sessantina di anni, si è dimenticato di citare le gravissime crisi nei Balcani. Forse sarebbe stato bene ricordarle. Senza poi dimenticare il momento in cui, tra i padri fondatori, ha citato Giorgio La Malfa anziché il padre Ugo La Malfa (piccolo lapsus, eh?!).

Dopo questa piccola constatazione, mi preme solo di mettere qualche puntino sulle i.
Tra i 12 principi fondamentali della Costituzione Italiana ce n'è uno - senza ovviamente nulla togliere a tutti gli altri - che mi interessa in particolare. Lo cito:
art. 9:  La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
Solo qualche parole per tutti quegli idioti, così beceri e nerd nel profondo da essere convinti che per campare al giorno d'oggi serva solo essere capaci di stare davanti a un computer. Certo, serve anche quello, ma la poesia, la prosa e la storia servono all'uomo per sentirsi vivo per quello che è: una creatura fatta di passioni, sentimenti e memoria. La cultura serve per procedere verso la costruzione di un futuro migliore e deve farlo assieme alla tecnologia; né dietro né contro a essa (e viceversa). Non dimentichiamocelo.

A presto!


E.




10 commenti:

  1. Non c'entra con Benigni ma quell'articolo della Costituzione mi ha fatto venire in mente questo.

    http://margherita-dolcevita.tumblr.com/image/34224108590

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Sì, io non ho voluto mettere alcun riferimento alla politica perché penso che l'articolo 9 dica già tutto.

      E.

      Elimina
  2. Avevo scritto un bellissimo commento :(

    Comunque riassumo dicendo che penso che la Costituzione sia l'unica legge davvero fatta bene che abbiamo qui in Italia e che lo spettacolo di Benigni è stato davvero bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dov'è finito il commento? :) Non c'è nemmeno nello spam.
      Comunque mi trovi d'accordo.

      E.

      Elimina
  3. Lo spettacolo di Benigni è stato grandioso! Come sempre riesce a tenere incollate varie generazioni e con la sua semplicità a far capire argomenti difficili. GENIALE!!!

    RispondiElimina
  4. Non ho visto lo spettacolo, dove vivo non c'è la diretta streaming e non ho la TV, ma lo vedrò, comunque le polemiche che già ho letto un po' ovunque sono caciara mediatica, possibile che in Tv qualsiasi cosa si faccia è sempre giudicato per qualcosa che ha a che fare con la politica e mai con la cultura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo!
      Il bello è leggere le critiche per il costo della trasmissione. Sempre meglio che investirli in culi, tette, Giletti e DOmenica In varie a quanto penso io.

      E.

      Elimina
  5. Parole sante!

    Ieri mi sono goduto lo spettacolo e sono felice di pagare il canone rai per serate come queste, oltretutto senza un solo secondo di pubblicità (ed è quasi un miracolo), gli dò pure dei soldi in più di tasca mia se serve! Tolto il paio di inesattezze che hai già citato tu, lo spettacolo è stato veramente impeccabile, e onestamente quelli che la stanno menando perchè ha parlato ancora di Berlusconi hanno veramente rotto. Se Berlusconi e i suoi non fosse già così tristi, scandalosi e ridicoli per conto loro, nè Benigni nè Crozza nè tantomeno la Guzzanti ne parlerebbero così tanto, è ora di smetterla di parlare di comici di parte e cominciare a usare il cervello e soprattutto ASCOLTARE, ascoltare chi, come Benigni, cerca di trasmettere un po' di cultura e un po' di passione verso la vita collettiva...

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.