9 dicembre 2012

Di un universitario e lo studio domenicale


Una settimana fa, scrivendo un post per il film Barfly, riportai un breve elenco di quelli che possono essere i motivi per i quali lo studio domenicale di uno studente universitario può fallire. Subito dopo aver pubblicato il suddetto post mi venne un'idea: perché non ampliare tale elenco?
Bene, rieccomi qua.
Una breve avvertenza è d'obbligo, in quanto prima di leggere l'elenco mettetevi nelle condizioni necessarie, un piccolo esercizio mentale che non fa male: siete uno studente universitario, sono le dieci di domenica mattina, siete reduci da un sabato sera al vetriolo e il libro di testo vi sta guardando con occhi famelici. I motivi per cui non riuscirete a toccare nemmeno un appunto sono i seguenti:

  1. abbiocco post-operatorio (v. pranzo, V edizione del dizionario dell'Accademia della Crusca);
  2. la scoperta che il cuscino del proprio letto è in realtà una strana pergamena scritta in ungherese antico, e rendersi conto che per leggerla bisogna stendervisi sopra;
  3. il tormentone «ma sì, mi guardo UN video su Youtube, poi comincio a studiare»;
  4. aggiornamento ossessivo della homepage di facebook;
  5. scrittura del post-capolavoro per il proprio blog;
  6. un unico ritornello: «Devo finire il libro sul comodino. Devo aggiornare la mia libreria di Anobii»;
  7. la voglia di scrivere il nuovo capolavoro della letteratura extra-senso-universale. Pena: passare ore e ore a rimirare la prima e unica riga scritta, per poi cancellarla a ora di cena;
  8. «Sì dai. Io, te e Beppi. Ci sediamo al tavolo in cucina e studiamo finché non rischiamo di morire di fame». Dieci minuti dopo sono impegnati col torneo dei tornei a PES;
  9. il «ma sì, mancano due mesi agli esami»;
  10. senti l'impellente bisogno di pulire a fondo la tua stanza. Spolveri i libri pagina per pagina, smonti i battiscopa, ciucci ogni vite di ogni singolo armadio, ecc. Riporti la tua camera da letto allo stadio primordiale (potresti rispedire tutto all'IKEA di fiducia);
  11. hai deciso che non puoi fare a meno di cucinare la super-ciccio-torta che Sonia Peronaci ha pubblicato sul suo sito. Riuscirai a raggiungere un risultato soddisfacente solo verso le 2 di mattina... di martedì;
  12. decidi di fare un giretto per digerire gli involtinobesi cucinati dalla nonna. Raggiungerai quel puntino sperduto all'orizzonte, scoprendo di esserti perso in quel di New Delhi;
  13. il reparto proibito della tua videoteca ti chiama. Come per magia, attorno a te sorgerà un cineforum di intellettuali neofascio-sinistronzi che ti obbligheranno, inginocchiato sui ceci, a guardare i capolavori indiscussi del regista russo Sergej M. Ejzenštejn. A fine visione si terrà la solita e classica discussione su quanto «l'occhio della madre» e «la carrozzella col bambino» colpisca il cuore di ognuno di loro, ma tu, merdaccia, citerai Alvaro Vitali, Lino Banfi e Paolo Villaggio;
  14. il libro di neo-fono-morfo-pragmatattica-linguistica neozelandese è in realtà il portale d'ingresso a un mondo in cui prodi guerrieri armati di biro e dizionario morfo-fonetico, davvero un ottimo scudo dato il suo spessore, combattono schiere infinite di  sintagmi e verbal phrases per liberare il mondo dalla tirannia dall'odiatissima Schwa;
  15. ti illudi di essere Peppino Gesualdo Alighieri, uomo che, al contrario del ben più famoso fratello, saltellava in mezzo a schiere di guelfi e ghibellini canticchiando "non me ne fotte na seha!";
  16. il libro di testo è stato gettato in un rogo purificatore durante la mega sbornia della sera prima.

Non nego che quanto scritto appartiene al più fantasioso dei mondi e che, per una cosa o per l'altra, il vero universitario troverà il modo di studiare nonostante le condizioni sfavorevoli. Perché per lui lo studio è ormai una condizione necessaria alla propria esistenza e la prima volta che si trova a vivere senza di esso, dopo qualche ora-giorno di felicità, si annoia a morte cominciando a fissare il libro di testo.

Avete altri motivi per cui un universitario non riuscirebbe a studiare di domenica? Commentate e i vostri suggerimenti verranno citati all'interno del post.
A presto!


E.

6 commenti:

  1. Domenica? Sveglia alle 11 per via di ieri, colazione con pasta al forno, caffè alle 15, sei li che quasi ti vengono le forze, quando ti viene a trovare il vicino con le sue sigarette umoristiche, e all'improvviso sono le 20 ed hai un chimicone che ti mangeresti un supermercato, recuperi gli zuccheri che è già mezzanotte. No la domenica riposo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro di storia della fotografia che ho davanti agli occhi stava quasi per ingerirmi mentre leggevo il tuo commento. Per lui il riposo non esiste :)

      E.

      Elimina
  2. a volte basta un solo motivo...l'arrivo dei parenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ai parenti non avevo proprio pensato.

      E.

      Elimina
  3. Ahahahahah... Emauele , permettime 'sta risata...
    Altri motivi, il più banale...rimandare tutto a dopo..tanto abbiamo tempo!

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.