22 novembre 2012

Untitled’s Fragments pt.3

thesparrowsareflyingagain
Vi è mai capitato di entrare nella testa di un libraio che si trova davanti a un certo tipo di cliente? Io ci sto provando, e ve ne voglio regalare una brevissima e, non corretta, prima versione.
«Dai, ancora uno e poi anche per oggi si chiude, pensò il librario.
-E lei cosa compra?- chiese, rivolgendosi con un sorriso alla ragazza che aveva davanti. Il classico tipo tutto cellulare, trucchi e amiche galline che girano per la città in cerca di qualche straccetto da indossare e da pagare oro. Una ragazza del genere sarebbe potuta entrare in libreria solo per compare un particolare libro.
Dimmi che non si tratta di QUEL libro!
La ragazza, masticando la gomma rumorosamente, alzò lo sguardo dallo schermo dello smartphone e gli porse il volume che teneva in mano. Era proprio quel libro.
Eccolo lì, ci avrei giurato, pensò il libraio. Dopotutto, a chi altri può venire in mente di leggere 'sta merda se non a tipi del genere?
-Proprio sicura di voler comprare 'sta m...- esplose lui, pronunciando le parole una dietro l'altra, interrompendosi prima di far esplodere l’apocalisse. 
-Come dice?- lo fulminò lei, alzando gli occhi dal telefono. Un'espressione sbigottita su quel viso tutto trucco e stucco. Non certo la prima persona alla quale chiedereste di risolvere un'equazione di primo grado (figuriamoci di secondo).
Lui si ritrasse per un istante.
-Ehm...- si corresse, -compra solo questo?-
-Seee- ciancicò lei, tornando al suo amato telefono, tenendolo ben stretto come fosse il pilastro fondamentale della sua insignificante vita.
Il libraio batté il prezzo, incassò il dovuto e consegnò quell'assoluto capolavoro della letteratura narrativa moderna nelle mani della ragazza.
Ma che capolavoro e capolavoro, pensò. Solo n'ammasso di stronzate.
Lei si girò, tenendo sempre lo sguardo fisso sul telefono, e fece per andarsene, quando a tratto si fermò.
-E a me non me li fai i complimenti per il mio acquisto?-
Dio cristo... altre che a leggere. ‘Sta tizia avrebbe bisogno di un buon corso di grammatica.
-Complimenti per l'acquisto, signorina.-
-Mmmm- rispose lei, sorridendo compiaciuta. -Così va meglio.-
Ma chi cazzo ti credi di essere...
-Ah sì-, continuò lei. -Quando arriveranno gli altri due?-
Lui fece un sospiro, cercando le parole per sbatterle in faccia la verità senza essere troppo sgarbato. Duro lavoro quello del libraio.
-Ehm, signorina. Gli altri due volumi sono in esposizione proprio accanto a quello che ha appena acquistato.-
Lei lo fissò con sguardo assente. Gli occhi sperduti chissà dove, passando continuamente da una delle loro cinquanta sfumature di banalità all'altra. La bocca aperta pronta per ospitare qualche specie di vita in forma d'estinzione. E la gomma era sempre lì in bella vista.
-Ahn?-
Ma che lo fai apposta?
-Le ho solo detto che gli altri due libri sono proprio accanto al primo.-
Idiota. Idiota e cieca.
-Ah,- rispose lei, -pensavo che fossero tutti uguali.-
Il libraio stava perdendo la pazienza. Possibile che in mezzo a tanti clienti proprio quello sgorbio dovesse essere l'ultimo della giornata? Possibile che gli capitasse di rado qualche buon anima con cui farsi una bella chiacchierata andando oltre l'orario di chiusura? A quel punto sarebbe stato molto meglio servire una vecchia in cerca di sfrenate passioni da libri Harmony. Però non poteva risponderle in malo modo, doveva controllarsi. Alla fine la clientela è sempre clientela. E i soldi che entrano in cassa servono per vivere.
-Sì, signorina. Capisco che ci si può confondere a volte.-
-Be',- disse lei. -Se questo mi piacerà, e mi piacerà per forza perché piace a tutte le mie girls, torno e mi piglio anche gli altri due.-
E certo che ti piacerà, brutta stupida. D'altronde le pecore devono seguire il loro dannato gregge.
Giurò che, se per un solo istante le leggi di tutti gli stati fossero state abolite, quella gomma gliel'avrebbe cacciata in gola fino a strangolarla.
-Be' ciao, eh?!-
-Arrivederci, e torni presto.-
Crepa

E.

Inutile dire che questo frammento non ha niente a che vedere con i primi due post (link 1, link 2) a riguardo.

6 commenti:

  1. Guarda anticipo che non l'ho letto quel libro ma non per partito preso, ma perché ho visto un'intervista a chi l'ha scritto e ho detto "si occhei i miei soldi sono miei".
    Beati i tempi d'Histoire d'O. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto qualche estratto. Lasciamo perdere ^^

      E.

      Elimina
  2. Sono stufa di imbattermi in libri che parlano di sesso e lo descrivono in tutte le maniere, quindi per principio non mi leggerò quei libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende da come viene descritto e dal contesto, ovvio :)

      E.

      Elimina
    2. Questo è sicuro, ma ho notato negli ultimi anni che molti hanno iniziato a inserire del sesso un po' ovunque per vendere o comunque per rendere popolare il proprio scritto e la trovo una cosa stupida.

      Elimina
    3. Su questo sono d'accordo :)

      E.

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.