13 novembre 2012

Avverbi.
Qualche utile consiglio.


Ed eccomi nuovamente con voi, per un nuovo ed estremamente interessante, nonché umilmente umile, articolo che ha come argomento l'imminente e sinceramente obbrobrioso decadimento della lingua italiana. Precedentemente, con un altro post, ho trattato del caso...
Ok. Basta. Non vi nascondo la fatica che ho fatto a scrivere queste poche righe.

Come avrete certo capito dal titolo e dall'inutilmente (eh! eh!) pomposo paragrafo di apertura, oggi si parla di avverbi e del loro corretto utilizzo.
Prima di cominciare, quanti di voi li usano in maniera eccessiva? Nessuno? Non ci credo, anche solo per il semplice fatto che quando me l'hanno fatto notare, ero convinto di non usarli più di tanto. E mi sbagliavo. Eccome se mi sbagliavo.
Cominciamo subito dicendo cos'è un avverbio. Chiediamo pure aiuto a Wikipedia (non c'è nulla di male) se non ce lo ricordiamo:
«L'avverbio (dal latino ad verbum, "vicino al verbo", calco del greco επίρρημα) è una parte del discorso invariabile con funzione di "modificatore semantico". Viene usato per modificare o determinare il significato di altre categorie grammaticali (tipicamente gli aggettivi ma anche altri avverbi) o persino un'intera frase. Per la grammatica tradizionale (come attesta l'etimologia), l'avverbio era il modificatore del verbo».
Fin qui tutto bene. Anzi, leggiamo tra le righe che, per una buona scrittura in grado di descrivere la scena alla perfezione, l'avverbio è fondamentale. Dona specificità e significato, riesce persino a spiazzare il lettore, ed è un grandissimo aiuto che la lingua offre sia allo scrittore (se la batte bene con l'aggettivo) che al lettore.
In una particella così utile e bella dove può stare l'inghippo? Presto detto.
Il morbo che si sta diffondendo sempre di più nella lingua italiana, un vero e proprio cancro linguistico, è rappresentato da una specifica tipologia di avverbi: quelli che terminano in -mente.
Fateci caso per un momento: ovunque giriamo, qualsiasi cosa leggiamo, ascoltiamo, vediamo in tv, questa malattia è diventata la regola. Siamo sommersi da una valanga di idealmente, certamente, assolutamente, evidentemente, probabilmente, necessariamente, ugualmente, concettualmente, ecc. Per non parlare poi delle invenzioni linguistiche e non, alcune davvero patetiche e brutte (se vogliamo dirla tutta) e che sono finite anche loro per entrare nel gergo comune: neuronalmente, domenicalmente, avvicendevolmente, lentissimamente, settimanalmente, superbamente, settimanalmente, raffinatamente ecc.
Fissate bene questi e altri bersagli. Sono il vostro nemico.

Inutile dirlo, la solita mandria di fanfaroni, convinta del fatto che usare molti avverbi in -mente doni una sorta di immortale solennità ai concetti che devono esprimere (per la maggior parte un'accozzaglia di scempiaggini), continuano per la loro strada. Un esempio lampante è uno dei miei professori universitari (e sottolineo, universitari). Il bellimbusto, non contento di farci riempire pagine e pagine di appunti con i suoi avverbi, un giorno se ne venne fuori con un bel «per entrare fermamente e contestualizzare correttamente il concetto, dobbiamo farci idealmente un'idea di come...». Basta, mi fermo qui.

Come ho scritto sopra, non nego di essere stato - e di esserlo tuttora - un peccatore. Purtroppo, scrivendo di getto gli avverbi scappano bene e volentieri, e in fase di revisione possono sfuggire con facilità, rendendo così il nostro testo fin troppo ridondante e inutilmente (visto?!) lungo. Poi, non dico certo che l'avverbio in -mente sia il male assoluto, anzi. Usatelo pure quando non riuscite a trovare di meglio, però senza esagerare. Come avete potuto leggere, ho usato solo due avverbi in -mente per scrivere questo post, eppure sono un sacco di parole.
Come fare allora per evitare di incappare in vagonate di mente, mente e mente? Semplice: fare esercizio. Quando scrivete una frase cercate di essere più specifici possibile cercando delle scorciatoie, altri modi di dire, altre parole. Dopo un po' vi verrà automatico. Parola del sottoscritto.
Se non vi bastano le mie parole, vi affido a quelle di Beppe Severgnini:
«Possibilmente evitare gli avverbi in -mente. Derivano dall'ablativo singolare del sostantivo latino mens, mentis - quindi: con la mente, con l'intenzione - e sono inflazionati. Quasi sempre hanno dei sostituti, più corti e altrettanto efficaci: utilizziamoli. Qualche esempio: conseguentemente = quindi; estremamente = molto; indubbiamente = senza dubbio; lateralmente = di fianco; precedentemente = prima. Eccetera»1.
A presto e buon lavoro!


E.

1. Beppe Severgnini, L'italiano, lezioni semiserie, RCS Libri S.p.A., Milano, 2007, p. 24

Altri post riguardanti la lingua italiana sono: Assolutamente sì? Assolutamente no! e D eufonica. Qualche utile consiglio.

16 commenti:

  1. Solo Cetto Laqualunque ha il diritto all'avverbio sovrabbondante: qualunquemente, moltamente, tuttamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E, soprattuttamente, orizzontalmente!

      E.

      Elimina
  2. Noooooo!!! Volevo farla io la citazione di Cetto Laqualunque! xD

    Mi rendo conto pure io di usarli troppo! Ma non e' colpa mia, e' colpa del latino volgare che, agli avverbi in -e, ha preferito la perifrasi con aggettivo+"mens" all'ablativo di modo xD Ci sarebbe l'esperanto che ha tutti gli avverbi in -e, ma non ci piace... ;-)

    In ogni caso, spesso l'avverbio non serve proprio...

    Comunque, piccola nota che non c'entra niente con il post: visto che ora il problema della visualizzazione delle lettere non esiste piu', quando si citano parole greche non sarebbe meglio scriverle in alfabeto greco, non translitterate? Per chi conosce il greco non cambia nulla, e almeno io posso fare a meno di ricordare l'orrenda pronuncia che si insegna nei classici licei ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io il greco non lo conosco - quindi il problema per me non sussisterebbe -.
      Se vuoi lo cambio subito :)

      E.

      Elimina
    2. no be', non volevo darti degli ordini xD è solo che la parola mi è balzata agli occhi, perché in greco "avverbio" ancora si dice επίρρημα, ma io lo sento pronunciare "epìrima" :-) In uno dei prossimi post ne parlerò :-P

      Elimina
  3. ..................esattamente!
    :P
    il prossimo sul linguaggio dei giornalisti che hanno dimenticato di studiare l'italiano, hanno saltato l'inglese e non hanno mai sentito parlare nè del latino nè del greco (che, peraltro, io non ho fatto)...
    bipartisan - pronunciato baipartisan ne è un misero esempio

    A voi giovani dotti domando... perchè ai miei tempi si parlava del filo di lama (porzione di spazio al limite del sottile e per questo, posizione difficile da mantere) ed oggi, dopo che qualche giornalista televisivo ha ignoranteMENTE (nel senso di MENTEignorante, ho applicato la proprietà commutativa) sbarbocchiato "filo di lana" , tutt'a un tratto (improvvisamente) ci ritroviamo a srotolare gomitoli e danzare su dondolanti fili di lana tirati da una parte all'altra della stanza ? (mission impossibile)... Attendo con mente ansiosa (!) altri articoli sull'argoMENTE ... ops... mi è inavvertitamente sfuggito e me ne scuso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarebbe male come argomento. Dovrei iniziare a raccogliere articoli su articoli :)
      TI posso dire che invece "filo di lama" conosco l'espressione "essere sul filo del rasoio" (significato ugualMENTE, precisaMENTE e identicaMENTE identico).
      Grazie mille per l'idea e per il commento. Ci rifletterò con calma :)

      E.

      Elimina
    2. ma "sul filo di lana" non vuol dire "all'ultimo istante", visto che un tempo al traguardo delle gare di corsa c'era proprio un filo di lana?

      Elimina
    3. In effetti sembrerebbe così :)

      E.

      Elimina
  4. Bel articolo Emanuele! Hai scritto una grande verità! ciao Cri

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Cristina. Argomento più che mai di attualità, anche considerati gli strafalcioni non solo sul web, ma anche di personaggi vari in TV.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già. Poi, per carità, come ho già detto io per primo mi sbaglio molto spesso, ma chi fa certi mestieri non dovrebbe.

      E.

      Elimina
  6. Be', c'è gente capace di inanellarne tre o quattro in una riga e mezza, e non va bene. Una volta in un romanzo baricchifero molto quotato ne ho beccati una quindicina in due paginette, e neppure questo va bene... :)
    Però ci sono anche persone fissate che si impongono di non usarli MAI, e questo è (INDISCUTIBILMENTE) ridicolo. :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il segreto sta nel trovare un'ASSOLUTAMENTE buona via di mezzo. :-)

      E.

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.