25 agosto 2012

Il vecchio e il ragazzo

sottofondo: Anathema - A Natural Disaster


Un giorno di vacanza come molti altri. C'è voglia di mare nell'aria. Poco male, la casa del vecchio è sulla costa. Una buona occasione per andare a far visita al nonno che non si vede da un po' di tempo.

Sia il vecchio ché l'ombrellone ne hanno viste tante in quella spiaggia. Sono ormai cinquant'anni che i due compagni inseparabili occupano sempre lo stesso posto in mezzo a quella sabbia bianca e lucente. Oggi sarebbero stati in tre. Poco male.
Il vecchio legge. Un libro di cui il nipote non ha mia sentito parlare. Roba troppo noiosa per lui.



-Dimmi, ragazzo,- esordisce il vecchio. -Cosa vedi tu nel mare?-
Il ragazzo non sa rispondere. La sua visione della vita è troppo limitata dagli innumerevoli impegni ai quali la sua giovane esistenza è dedita. Sport, amici, bar, qualche ragazza. Mai una volta che si sia messo da solo a osservare il mare, a scrutare le sue onde. Mai una volta che il suo sguardo si sia posato su quella linea blu che si perde all'orizzonte.

Il vecchio guarda il mare. Ci vede tutta la sua vita e tutte le cose che non è mai riuscito a fare. I desideri che ha dovuto mettere da parte per riuscire a costruirsi una certa sicurezza. Una vita che non è né cattiva né compassionevole, ma indifferente a quelli che erano i suoi vecchi bisogni, i suoi sogni, le sue speranze.

-Guarda bene,- dice il vecchio. -Cosa vedi?-
Il ragazzo rivolge ancora una volta lo sguardo verso il mare. Ancora niente.
-Non vedo niente, nonno.-
Una lacrima solitaria percorre una delle guance del vecchio, contando sulla forza di gravità per superare le profonde rughe. Il ragazzo lo nota.
-Nonno, perché piangi?-
Il vecchio si asciuga la lacrima e tira un lungo sospiro rotto da un singhiozzo. Si calma.
-Piango perché mi sono venute in mente tutte le possibilità che non ho avuto. Piango perché in quelle deboli onde sento la voce di tua nonna, l'amore della mia vita, risucchiata da quel blu profondo.-
Breve pausa. Solo il rumore delle onde come sottofondo.
-Vedi,- riprende il vecchio, -guardare il mare può far male a volte.-
-Allora, nonno, perché guardi il mare?-
-Ragazzo, sai come succede certe volte. Ti trovi davanti a qualcosa che non capisci, di cui non riesci a comprendere appieno l'esistenza. Il mare è questo. È una linea blu che si perde all'orizzonte, nel quale sono racchiusi tutti i sogni dell'umanità e le sue memorie. È il simbolo di una sempre più grande voglia di infinito...-
Il ragazzo pensa a quello che ha appena ascoltato. Forse i suoi impegni non sono importanti come sembrano.
-Vedi, ragazzo, il mare è questo. E non si può non degnarlo di uno sguardo. Ricordati queste mie parole. Qualche volta fermati e pensa. Le tue possibilità, i tuoi sogni, le tue speranze sono tutte lì, a cavallo di quelle onde. Non ignorarle. Sta solo a te scegliere quale sogno seguire. Ogni tanto fermati e pensa a quello che il mondo può offrirti, e a quello che tu puoi offrire a te stesso.-



E.

Altre foto disponibili sul mio album Flickr.

8 commenti:

  1. Bello, bello, bello!
    Lo scatto mi piace un sacco. Sottoesporre per ottenere solo la sagoma nera è un giochino che piace un sacco anche a me..e qui è semplicemente perfetto! Bravo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maestro, mi inchino dinnanzi alla vostra benevolenza ;)

      E.

      Elimina
    2. Bello, molto bello. Tutto bene Ema? Ciaoo

      Elimina
    3. Grazie! Sì, sì, non male. Tra studio e scrittura non riesco a trovare neanche il tempo per il blog :)
      E te, come va?

      E.

      Elimina
  2. La foto è stupenda e particolare...l'uomo potrebbe anche essere Hitchcock in una delle sue comparse di un suo film. Anche come è trattata la foto potrebbe sembrare un suo film. Ottimo scatto!

    Osservare il mare da il tempo per pensare e nel seguire il proprio sogni si deve essere tenaci, convinti e non mollare mai.

    Ciao Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non amo particolarmente il mare, ma quel giorno era così bello che non potevo fare a meno di qualche pensiero :)

      E.

      Elimina
  3. http://www.incredibletvandmovies.com/hitchcock.html

    é lui! ; ))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, vero :) Anche se, lo dico e lo confermo, vale solo con il profilo sovraesposto XD

      E.

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.