17 maggio 2012

All'Università di Verona
l'Arte fa da padrona


Voglio presentarvi una delle tante mirabili opere che adornano una delle tante toilet (chiamiamolo pure cesso) dell'Università di Verona.
Potete notare che lo stile, sobrio e minimale solo in apparenza, è ricco nel suo tono bicromatico di sottili venature, quasi fosse una pittura eseguita senza pensiero e mente alcuna a quello che sarebbe stato il risultato (una vera e propria pittura di getto). Senza dimenticare lo sfumato che caratterizza ogni pennellata costituente l'opera.
Quella che state osservando è un'opera a più mani. Infatti non si conosce ancora il numero preciso degli artisti coinvolti nella stesura di questo capolavoro (figuriamoci i loro nomi). Quello che sappiamo di loro è che, al 99%, si tratta di studenti universitari, annoiati e vogliosi di pura trasgressione.

Cosa possiamo capire ammirando questo leggiadro e opulento insieme di arabeschi a metà tra un barocco e un rococò?
La voglia di comunicare un qualsiasi ché non è una novità per quanto riguarda la pittura. Qui abbiamo a che fare che un'unione tra pittura e scrittura. Sono infatti le varie frasi a formare il tessuto pittorico, rivelandoci una grandissima volontà di riportare alla ribalta uno stile vicinissimo al pulp. Abbondano infatti riferimenti al sesso, sia nella sfera omosessuale ché in quella eterosessuale, e all'abitudine quotidiana umana di produrre materia fecale. Vi sono anche degli errori di calligrafia, ma fa tutto parte di un contesto più grande.
Il fattore più interessante però rimane la frattura col passato, anche per quanto riguarda gli strumenti di pittura. Se, infatti, gli affreschi hanno sempre goduto di una certa regola fissa per quanto riguarda le tinte e i materiali riparanti, in questa occasione i maestri ci hanno mostrato come un affresco possa essere dipinto anche solo con l'ausilio di una penna a sfera o di un pennarello indelebile a punta larga.
Unica figura vera e propria è una palla da biliardo che, secondo alcuni critici, sta a simboleggiare la vittoria ottenuta con quest'opera. Probabilmente gli artisti erano coinvolti in una scommessa e proprio per questo hanno dato vita a un tale capolavoro.

I messaggi portatici da questa opera, di cui potete comunque vedere solo uno scorcio (in realtà l'opera si estende sul muro per la quasi totale sua interezza), riguardano i tempi moderni: questo mondo è uno schifo, popolato da persone in cerca perpetua di sesso e nient'altro (a pagamento e non). I pilastri su cui si fonda la nostra società sono marci, tenuti insieme con il nastro adesivo da uomini la cui unica preoccupazione è il denaro, tramite il quale sono convinti di poter comprare ogni cosa.
Il messaggio che possiamo leggere in corrispondenza dell'angolo in alto a destra di questo scorcio è la rappresentazione di mille e mille voci che non riescono a sostenere una situazione di simile degrado. È la voce di coloro i quali si sentono traditi dal sistema mondo e dalle sue autorità. È la rabbia provocata dai mille e mille soprusi ai quali sono giornalmente sottoposti i cittadini italiani, consenzienti o no riguardo al governo.
È ora di dire basta, di mandare a cagare (citando letteralmente) qualche testa incoronata e ricominciare a vivere. Ce ne fossero di più di pittori del genere.

Sì, ok. Mi sono improvvisato storico dell'arte. Se da una parte fa molto figo dall'altra mi ricorda che ho due parti di storia dell'arte da portare questa sessione.
Ma senza fare tutta 'sta manfrina, non pensate anche voi che 'sti coglioni imbrattamuri debbano cercarsi un'altra occupazione all'infuori dell'università?
Ecco cosa succede in cesso quando si è così ottusi da non riuscire a rendersi nemmeno conto che quello che si tiene tra le dita è il pennarello sbagliato.


E.

14 commenti:

  1. Geniale!
    E non sei mai stato in un bagno universitario femminile... da sedute psicanalitiche di gruppo - con tanto di botta e risposta, consigli e insulti - a esplicite richieste di partner con precise caratteristiche fisiche. Sì, più che imbrattare i muri dovrebbero trovarsi altro da fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah be', immagino :)
      Su quelli femminili posso solo basarmi sulle testimonianze della mia ragazza, che mi ha fatto capire di quanto possano essere più sporchi di quelli di noi maschietti (roba da non credere).

      E.

      Elimina
  2. Beh qualche archeologo del futuro potrebbe ritrovare questi banchi e qualche storico potrebbe fare un saggio del genere!
    In fondo succede già con le scene hard affrescate a Pompei, mille parole per descrivere una sana scopata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è il muro del cesso XD
      E dico solo che le scene hard made in Pompei sono delle opere uniche e fantastiche ^^ Bei porcelletti i Romani.

      E.

      Elimina
    2. Ah si scusa...ne abbiamo di simili sui banchi noi, allora mi sono confusa.
      Si comunque noi archeologi li prendiamo un po' in giro gli storici dell'arte e quando guardo gli affreschi osè pompeiani e arrivo al "...si può osservare la notevole policromia" sono già lì che me la rido, perché magari si vede di tutto meno che la policromia :D

      Elimina
    3. Ovviamente non parlando dei banchi :)
      Pensa che all'esame mi toccherà parlare in quel modo.

      E.

      Elimina
    4. Eh non dirlo a me, sono tre anni che parlo così pure io!

      Elimina
  3. Haha, genio xD

    Comunque, la Lola ("Commenti su blog", 2012, edizioni Blogger) supporta e al tempo stesso amplia le tesi di Secco, affermando che di barocco e rococò si può parlare, ma l'opera presenta tratti spiccati di protoclassicismo e soprattutto spät-gotik, almeno per quanto riguarda le pieghe nell'angolo in basso a destra.
    Ciò conferma che l'affresco non può essere così tardo, ma va datato ad almeno 15 giorni fa.




    ......


    Oppure è di Giorgione. Tanto questo si può sempre dire xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto XD
      Basta dire Giorgione e va bene tutto XD

      E.

      Elimina
    2. "L'autore di questo polittico, come ii maggiori critici ci insegnano coadiuvati dalla storia stessa, si spostò a RRRRooooooooomaaaa nell'anno... MMMMMMMMMM!"


      E.

      Elimina
    3. Hahahaha! Ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale! xD

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.