17 aprile 2012

Leggende friulane
Le due sorelle
(versione in rima)



Come promesso nella scorsa puntata di questa rubrica, eccovi la versione de Le due sorelle in rima. La leggenda è stata narrata in poesia dalla Principessa Teresa Maria Beatrice della Torre-Hofer-Valsassina (1817-1893), castellana di Duino.
Il testo che leggerete non l'ho trovato su un libro, ma sul blog Carso segreto di Franco Tauceri (che ovviamente ringrazio ancora per avermi permesso di pubblicarlo). 

Dell'alta costa - al piè giacenti,
In nivea tinta, - qual per incanto,
Quasi fantasmi - dal mar sporgenti,
Vedi due massi - l'un l'altro accanto
Sbattuti e rosi - dall'onde felle;
Sono due scogli - e fur sorelle. 
Antica voce - narra, che a sera
Ognor tornando, - due giovanette
Lievi moveano - sulla riviera,
Il mar fissando - mute e solette.
Eran sì bianche - eran sì belle!
Né mai disgiunte; - eran sorelle. 
Qual fu la speme, - quale il desio
Sempre deluso - che in lor ardea?
Che avvinte insieme - su quel pendio
All'orlo estremo - ahi, le traea?
Noto al mar forse - ed alle stelle
Era il mistero - delle sorelle. 
Ma un dì che furo - all'irta sponda,
Sempre aspettando - chi non venia,
Un nembo surse - e giù nell'onda
Insiem travolte - se le rapia!
Giacquero immote - le poverelle
Unite sempre - perché sorelle. 
Ed ora, quando - il firmamento
Pallido fassi - e il sol s'adima,
Nel mar tuffandosi - già sonnolento,
Delle due rupi - sull'ardua cima
Brillan cerulee - doppie fiammelle;
Sono gli spiriti - delle sorelle. 
Deposto il remo - il pio nocchiero,
Con gli occhi fisi - e ai lumi intenti,
Volge pietoso - il suo pensiero
Alla memoria - delle innocenti,
Pace pregando - alle sorelle;
In vita e in morte - sempre gemelle.

Inutile dire che, se siete a conoscenza di altre versioni delle leggende che vi propongo siete come obbligati (se volete) a segnalarmele così che io possa pubblicarle, anche per una maggior completezza della rubrica stessa.
A presto!


E.

10 commenti:

  1. La versione in rima è stupenda! Mi ha coinvolto molto di più. Davvero bellissima.

    RispondiElimina
  2. Una versione in versi aulici che conquista per le vivide immmagini che disegna.

    RispondiElimina
  3. ciao Emanuele
    no, non conosco leggende friulane.
    è bellissima quella che hai scritto. non conoscevo i versi di Franco Tauceri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piano però, i versi non sono suoi :) Lui ha solo avuto la grandissima idea (e lo ringrazio per questo) di pubblicarli.

      E.

      Elimina
  4. Andiamo giù duro di legende in questo periodo o mi sbaglio?! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, mi sono preso un po' male. Cerca di capirmi ^^

      E.

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.