13 aprile 2012

12/04/2012
Rhapsody of Fire
live @ Estragon, Bologna


Questo non sarà il solito resoconto di un concerto. Non ci saranno lunghe parti discorsive, infinite considerazioni personali sulla bravura o meno delle band e sulla tecnica musicale dei singoli componenti.
Questo è un resoconto in versi. Non so dirvi nemmeno io come mi sia venuto in mente di proporvelo in questo modo, so solo che mi è uscito così, senza fatica. Ma bando alle ciance, e lasciamo la scena al medieval bardo!

Verso Bologna viaggiamo,
comodi a condurre i nostri carri d’acciaio,
per poter audire
un po’ di sano metallo nostrano.

12


Candalpuerco!
A cinque minuti dalla destinazione
fermi in coda per manifestazione.

3

Fortuna vuole, in quattro e quattr’otto
riusciamo a procedere arrivando
per primi nel bolognese loco
in culo al tempo piovoso.

4

Si aprono le porte,
i bardi raggiungono le prime file,
e i nostrani Bejelit infuocano la scena.
Tutto regolare, se non ché,
nel bel mezzo dell’esibizione,
il cordame del chitarraio,
preso da troppa pressione,
cede un po’ facendo emettere strani suoni.
Il pubblico capisce e,
incitato dall’italico cantore,
con un «1,2,3… CAZZO, SANDRO!»
il problema è risolto senza indugi.
Ancora una canzone e il cantore,
preso da sana follia,
toglie il giubbotto
rivelando un sempre sano motto.

567

I Bejelit abbandonano il palco,
lasciando la scena a tali Kaledon,
i quali, con il di loro metallo di potere,
annoiano non poco il vostro fido bardo (peccato davvero).

8

Dopo un’oretta di noia noietta,
che ci possiamo fare,
il momento è finalmente giunto
e dalla prima fila si levano molte grida,
tutte per la vera attrazione della serata.

910

Dopo un’introduzione d’atmosfera
il palco si infiamma
e un’esplosione di suono investe il vostro bardo
facendolo urlare di piacere ed emozione.

11121314

Una canzone dopo l’altra
il Re Lione affronta,
lasciando, con la sua bravura,
il pubblico a bocca aperta.
Cori da torneo di cavalier, incitamenti e adorazioni,
questo è un concerto, non una battaglia.
Lì in mezzo siamo tutti fratelli,
pronti a elogiare e supportare questi intrepidi musici
di terre vicine e lontane.

1516171819

Il batteraio fa il suo assolo,
e pure il bassista ci pensa per bene
proponendoci una sua elaborazione
di una certa toccata e fuga in re minore.

20

Dopo mille cori,
dopo due decine di canzoni,
dopo urla ed esultanze varie,
ormai giungiamo alla fine,
sapendo per certo che il gruppo
ha dato quello che ci aspettavamo
e che volevamo sentire.
Lode e gloria a questi bardi musici!

2122

Ed eccoci alla fine di questo strano resoconto.
È stata una serata a dir poco epica e coinvolgente, con un finale degno di sé (vedere le ultime due foto per credere!).

2324
Per avere un'idea di quella che è stata l'esibizione dei Rhapsody of Fire vi rimando al video girato da Lola e che abbiamo caricato sul mio canale.


E.

4 commenti:

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.