10 febbraio 2012

Consigli su come affrontare un Blizzard (black metal version)

Qualche consiglio, anche se tardivo, per non farsi cogliere impreparati la prossima volta che un dannato Blizzard colpirà l'Italia. Qui la migliore tradizione northern-ice-cold-darkness-black metal fa da padrona.

1. Pittatevi la faccia. Non importa come, ma l'importante è che i colori siano il bianco e il nero. Assumerete così le sembianze di una vera bestia del nord, a imitazione perpetua delle popolazioni nordiche e alle loro pitture di guerra;
2. Scioglietevi la coda e tenete i capelli a perpetua copertura del viso. Se non avete i capelli lunghi compratevi una parrucca (l'importante è che ogni capello se strizzato possa riempire una tanichetta intera di olio da motore);
3. Per gli uomini: mantenetevi a petto nudo e indossate solo un cappotto di pelle nera e dei pantaloni possibilmente della stessa pelle. Se poi la pelle deriva dalla conciatura di un cristiano, be', ancora meglio.
Per le donne: indossate gli abiti più sexy che avete in casa, l'importante è che siano neri e che le minigonne diano vita più a un 'vedo' che a un 'non vedo';

4. Rovesciate tutti i crocefissi che avete in casa, perché Dio non vi può aiutare in quanto non esiste, ma Satana sì;
5. Uscite e assumete quelle che gli esperti chiamano pose abbathiane. Nella foto potete vederne un esempio;

6. Se mentre siete per strada una persona vi saluta, rispondetegli con tono gutturale pronunciando frasi senza senso alcuno, l'importante è che al loro interno ci siano le seguenti parole: Satan, Burning a Church, Dark Lord, War, Paganism, Misanthropy, Christianity sucks, Ice, Cold, Axe, Fog, Screaming, Sabbath, e altre ancora (se siete in dubbio e la fantasia vi manca consultate pure un dizionario). È apprezzata la conoscenza della lingua norvegese, quindi, se siete capaci, usate quella;
7. Se accanto a casa vostra vi è un bel bosco, tuffatevici in mezzo, magari imbracciando un ukulele e facendo finta di suonarlo. Durante la finta è consigliato fare headbanging (v. scapocciare) a più non posso. Se siete dei batteristi usate pure il ceppo di un albero già abbattuto;
8.Se accanto a casa vostra sorgono delle antiche rovine, indossate un cappello da strega e correte tra di esse imitando le pose e le movenze del primo troll di montagna che vi venisse in mente;
9. Se, nonostante tutto, il freddo continuasse a tormentarvi le indolenzite membra, bruciate una chiesa. Per un buon black metaller sembra essere il metodo più semplice e sicuro per trovare un po' di tepore (o semplicemente per una grigliatina mista veloce);
10. Adorate e venerate Burzum (anche nella sua incapacità musicale).


Che altro aggiungere... in bocca al lupo per la prossima volta!
E che Burzum sia con voi!
(adesso voglio proprio vedere i commenti dei black metallers più incalliti)


E.

4 commenti:

  1. La neve è più da doomster che da blackster! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la parola Blizzard no ;) E il black ci sguazza con i Blizzard!

      E.

      Elimina
  2. ahahahahahahahahahahah :D

    scusami ma quando ho letto Blizzard pensavo alla casa di videogiochi! XD

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.