3 novembre 2011

Parafrasare e investigare: talenti sprecati n° 34 e 35

girolamo

‎"Il Petrarca, per le assidue e fortunate indagini alla ricerca di antichi codici, che restituissero opere smarrite o contribuissero alla miglior conoscenza delle già note, e per le riflessioni, abbondantemente disseminate nelle opere latine, su questioni attributive, testuali, esegetiche, paleografiche e codicologiche, merita senza dubbio il titolo di iniziatore della filologia umanistica"1

Si può dire che la mia giornata sia iniziata con questo paragrafo.
Mi trovavo seduto in autobus, il libro di Filologia Italiana sulle ginocchia e matita in mano, solida spada pronta a ferire di grigio le pagine in lettura. La solita e immancabile vecchietta mi fissa i capelli e la barba con una faccia che sa tanto di io-alla-tua-età-pensavo-ad-andare-in-chiesa-a-soddisfare-mio-marito-e-a-non-contraddirlo-mai. Io le rispondo con sospiri che tanto sanno di bella-giovinezza-del-cazzo-che-hai-passato-pensa-che-a-farti-i-cazzi-tuoi-potresti-vivere-cent’anni. Ma torniamo al libro: tutto bene per quanto riguarda l’introduzione, senza contare poi le prime 3 pagine del primo capitolo. Quand’ecco che il maledetto paragrafo fa la sua comparsa.
Lo leggo la prima volta e mi rendo conto di non averci capito niente. Provo ancora e ancora, finché alla quarta volta riesco nell’impresa alla quale ogni studente degno di chiamarsi tale arriva quando si ritrova a dover decifrare un testo d’esame: riconoscere le parti salienti del discorso, cancellare quelle inutili e rielaborare. Il primo prodotto di tale impresa è questo: «Petrarca, buga buga, bla bla bla antichi codici, yadda yadda umpalumpa sgnaggallatta shakkallakkamuddafakka, bla bla bla umanistica».
Meglio rileggere va’. Il secondo risultato è molto più convincente del primo: «Il Petrarca, per le assidue e fortunate indagini alla ricerca di antichi codici, merita senza dubbio il titolo di iniziatore della filologia umanistica. Il suo lavoro, concentrato su opere latine e questioni testuali, codicologiche e paleografiche, era rivolto alla miglior conoscenza delle opere già note e al recupero di quelle scomparse».
Molto meglio, nevvero?! Ma diamo un’occhiata al terzo risultato dell’elaborazione: «Il Petrarca, per le assidue e fortunate indagini alla ricerca di antichi codici, merita senza dubbio il titolo di iniziatore della filologia umanistica». Finalmente ci siamo. Mission accomplished!
Perché togliere tutto il resto? Per la sua inutilità. In poche parole: se mi dici che Petrarca è da considerare l’iniziatore della filologia umanistica, perché spiegarmi tutto quello che faceva se il lavoro di un filologo me l’hai già spiegato nell’introduzione? Mistero degno di Emilio Fede. Perché solo chi è Fede e lecca deretani può arrivare a capire certe cose (sto divagando, lo so).

Alzo lo sguardo e mi accorgo che è già ora di scendere dal bus. Tempo venti minuti e sono al bar universitario a fumare una cicca insieme a Luca e Barbara, il ché vuol dire una decina di minuti a parlare di film prima di cominciare il mio lavoro in biblioteca… optimus! Ed è proprio in quest’ultima che la giornata ha trovato il suo culmine in idiozia. Andiamo con ordine.

Sono seduto alla scrivania, quand’ecco un professore entrare in biblioteca tutto trafelato. Mi spiega, per metà a gesti e per l’altra a frasi sconnesse in stile essere subumano, che tal opera in quattro volumi del tal autore del tal anno del tal editore e con tal collocazione non si trova più.
Immaginate la mia espressione? Ecco… di più. Non riesco a credere a ciò che sento. Gli chiedo maggiori spiegazioni, solo così riesco a fargli uscire dalla bocca piccole e piccole frasi di senso compiuto… più o meno così: «Nell’ufficio accanto al mio dovrebbe esserci tal opera di tal autore di tal anno di tal editore e con tal collocazione. Ho guardato nell’armadio e non c’è più. Sono quattro volumi molto vistosi. Non si possono dare via perché sono solo da consultazione. Non riesco a capire come abbiano fatto a sparire».
Lo tranquillizzo fin da subito subito, chiedendogli di ripetermi l’esatta collocazione dei volumi e che appena avrò sistemato i rimanenti fantasmini sulla scrivania mi sarei occupato del caso.
Ho chiamato Chi l’ha visto?
Ho chiesto aiuto a Horatio Caine e ai suoi occhiali da sole?
Ho pregato affinché dio inviasse presso di me Don Matteo?
No… ho indossato una parrucca bionda e un vecchio vestito da vecchia-vecchiaI’m FletcherMrs. Fletcher!

(n.b. l’ascolto del video è funzionale alla lettura del post!)

Come un’ammuffita scrittrice-indagatrice-portasfiga-incapace-di-pensare-ai-cazzi-propri mi metto a scartabellare l’intero archivio cartaceo dei libri ancora in prestito. Bene, tra professori e studenti non ce l’ha nessuno e sembra proprio che le regola della consultazione sia stata rispettata. Perfetto.
Entro nella scena del crimine, e due cose attraggono la mia attenzione: la luce è spenta e una scala a quattro gradini è sistemata affianco dell’armadio. Noto subito che la scala, per posizione-forza-del-vento-gittata-impronte-digitali punta verso un’anta sulla quale è affisso un cartello riportante la scritta “ROM ITA CONS B”. Controllo il bigliettino in mio possesso… la collocazione dei volumi scomparsi sarebbe “ROM ITA CONS A III 89” (incredibile, la ricordo ancora XD). Qui gatta ci cova.
Comincio ad aprire ad una a una le varie ante, scorrendo velocemente i vari numeri di serie, ma senza trovare quello che cerco. Intanto arriva anche il professore a farmi compagnia e comincia a dirmi che non è sicuro di aver guardato bene in qualche anta.
All’improvviso la folgorazione. Con uno scatto sono in piedi e apro l’anta più in alto che riesco a trovare di fronte a me.
Eccoli lì, i 4 volumi…

La faccia del prof è una di quelle che mi ricorderò per tutta la vita. Tra lo sbalordito e il consapevole di aver fatto una figura di merda.
Richiudo le ante e gli dico che non deve preoccuparsi, un altro caso risolto per Mrs. Fletcher!

signoragiallofinale

 

E.


L’immagine di testata è un estratto preso centralmente di San Girolamo nello studio di Antonello da Messina (1474-75) e conservato presso National Gallery, London.
1. Bruno Bentivoglio, Paola Vecchi Galli, Filologia Italiana, Bruno Mondadori Editori, Milano, 2010, p. 11

32 commenti:

  1. Oh oggi credevo di essere stata l'unica a farti impazzire a causa di un libro!

    RispondiElimina
  2. Lo so, non si dovrebbe ridere sulle incazzature altrui, ma non ho resistito :D

    RispondiElimina
  3. eheh, divertentissima la prima parte, e inquietante la seconda... che poi non ho mai capito come facesse quel cazzo di posto (Cabot Cove, mi pare, o qualcosa del genere) ad avere più morti ammazzati che abitanti... vabbè che la sciura portava un attimino di sfiga, ma... (touch the balls...) :)

    RispondiElimina
  4. @Margherita: XD diciamo che il tuo è stato l'inconveniente minore XD XD XD

    E.

    RispondiElimina
  5. @Galatea: posso capirti XD io mi sono messo a ridere scrivendolo il post ^^

    E.

    RispondiElimina
  6. @Zio Scriba: toccate per bene ^^

    E.

    RispondiElimina
  7. sei esilarante :) ma per davvero, dovresti darti alla sceneggiatura, mi hai fatto "vivere" i momenti che hai vissuto!!

    Comunque, la vecchina nell'autobus, son mica convinta sai che ti guardasse con l'intenzione ammonitrice, secondo me stava valutandoti se le potevi essere del caso :DDDDD .. scherzo!

    felice we :) e alla prossima investigazione!

    RispondiElimina
  8. ahahah mi sarebbe proprio piaciuto vederti nei panni della sig.ra Fletcher!! ;)

    RispondiElimina
  9. Vedrai che la prossima volta prima di chiederti qualcosa verificherà 10 volte :-D

    RispondiElimina
  10. @Lumaca: non riesco a non ridere ^^

    E.

    RispondiElimina
  11. @chaillrun: addirittura alla sceneggiatura? XD Comunque la prossima volta proverò a farle gli occhietti dolci e magari le manderò un bacino ^^

    E.

    RispondiElimina
  12. @katiu: sarebbe un'idea per Carnevale o per il prossimo Halloween XD XD

    E.

    RispondiElimina
  13. @Paòlo: lo spero bene, anche se si insinua sempre più la convinzione che volesse solo farsi servire XD

    E.

    RispondiElimina
  14. Fantastico Ema! ahahah, tiè alla fine ci sei riuscito!

    RispondiElimina
  15. @Laura: Jessica è infallibile ^^

    E.

    RispondiElimina
  16. Io fossi in te mi chiamerei Emanuele Jessica Fletcher Secco su facebook... =P

    RispondiElimina
  17. @Alice: penso che sarebbe il calcio in culo finale alla mia dignità XD XD XD

    E.

    RispondiElimina
  18. Le babbions impiccione sono fenomenali!

    RispondiElimina
  19. Ah può anche essere, ma chi è così stupido da fingersi stupido solo per farsi servire? :-D

    RispondiElimina
  20. seocndo me la vecchina dell'autobus era attirata dalla burrobarba!
    Quando ti scritturano per il telefilm?

    RispondiElimina
  21. @Carolina: dovrei cominciare a studiarle ^^

    E.

    RispondiElimina
  22. @Paòlo: un professore nella media XD

    E.

    RispondiElimina
  23. @Waterwitch: può essere XD XD attirata da tutta quella burrosità XD XD XD
    Comunque ho contattato la Fox e sembra che si farà una nuova serie ^^

    E.

    RispondiElimina
  24. Grande il racconto, mi è tornato il buonumore.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  25. Troppi libri sono inutilmente verbosi solo per il gusto di essere saccenti. Bel racconto! Ciao!

    RispondiElimina
  26. Mi hai dato molteplici spunti. Un solo esempio, a stare sul crime: i libri di pregio che spariscono ... sul serio ...

    RispondiElimina
  27. Jessica F. è uno dei mei idoli. E mi piace un sacco rivivere la vita universitaria attraverso i racconti di uno studente picchiatello come te ;-))
    Una lettrice anziana.

    RispondiElimina
  28. @Veronica Mondelli: per quanto riguarda i libri e ragionissima :)

    E.

    RispondiElimina
  29. @Adriano: e quando spariscono non può che dispiacere :(

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.