7 ottobre 2011

Scheletrica lucentezza

bridge

L’umanità del silenzio,
desiderio pacifico
della prole di un mondo in rotta,
inesorabile ci abbandona,
afflitta, ferita,
dai perduti venerandi.

Ponti nel cielo,
scheletrica bellezza luccicante,
prodotti di un’era
lungi dall’essere perfetta.
Ponti tra noi,
il nostro sapere,
le nostre menti,
e lontani dalla forza dell’individuo.

Venite!
Il cantiere è aperto!
Avanti con le macchine e il cemento!
Verdi speranze che scompaiono...

Nostra volontà ingannatrice,
perfida oltre ogni misura,
insensibile e distorta,
ci regala un Eden
di vana esistenza
e illusoria pace.

 

E.

8 commenti:

  1. i ponti di solito uniscono. Li trovo ottimi soggetti fotografici. Per la struttura, per la resistenza, per il genio. Qualche volta invece dividono. E deturpano. Inutilmente. p.S. Secco, mi hai votata??? :P

    RispondiElimina
  2. ...e adesso cosa ti dovrei dire??? spettacolo!

    RispondiElimina
  3. Primi appunti sulla nuova Moleskine?! :)

    RispondiElimina
  4. @Veronica: come hai indovinato? ^^

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.