25 luglio 2011

Due settimane

«Sono qui da poche ore e già i profumi della mia ultima infanzia portano i ricordi a travolgermi.
L’aroma delle felci, dei rovi tagliati, della terra nera tra i sassi, risvegliano in me le stagioni dell’innocenza.
Ah, quanti giorni passati a correre su e giù per i terrazzamenti, immaginando di essere un antico cavaliere che con la sua lignea mazza decapita e ferisce i nemici. Avversari che sembrano non finire mai.
Quante volte il pallone ruzzolava giù dalle colline, motivo di svago e rafforzamento fisico.
Idiota!, mi dico, pensando che questi ricordi avrei potuto riviverli già da qualche anno. Ma dentro di me sento che, qualche tempo fa, queste rimembranze non sarei stato in grado di riviverle nello stesso modo.
Per ora smetto di scrivere. So che il momento di cominciare a buttar giù qualcosa verrà più tardi, quando tutto sarà più in ordine. So che è giusto così… meglio procedere con ordine.
»1

Foto-0441

Ed eccomi a casa. Indeciso se spendere un sorriso o una lacrimuccia per il ritorno alla solita vita. Pronto, tra pochi giorni a riprendere lo studio per gli esami di settembre.
Due settimane.
Due settimane in cui non ho pubblicato niente.
Due settimane in cui non ho risposto a nessun commento.
Due settimane in cui il blog era l’ultimo dei miei pensieri.
Due settimane in cui la mia testa si è letteralmente svuotata dalle cattive energie che la affliggevano.
Due settimane in cui la lettura è andata avanti in modo molto lento ma più che mai piacevole.
Due settimane di cibo.
Due settimane di camminate.
Due settimane di tabacco.
Due settimane di birra, vino e liquori.
Due settimane di piacevoli incontri.
Due settimane in cui due giorni sono stati dedicati interamente agli artisti di strada.
Due settimane di chiacchierate con un bicchier di vino e l’orologio che magicamente segna già le 3 di notte.
Due settimane in cui si sono incontrate di nuovo vecchie conoscenze.
Due settimane in cui il primo pensiero mattutino era rivolto al mio benessere e a quello degli altri.
Due settimane in cui, finalmente, nuove trame e idee hanno cominciato, come accadeva fino a qualche mese fa, ad arrovellarmi il gulliver.
Due settimane che, sono sicuro, mi mancheranno come poche altre cose.

 

E.


1. Emanuele Secco, Diario Secondo di Scrittura, 11/07/2011.

22 commenti:

  1. Due settimane ben spese soprattutto
    "Due settimane in cui il primo pensiero mattutino era rivolto al mio benessere e a quello degli altri".
    Bentornato E.

    RispondiElimina
  2. Ben spese sì :-) magari dedicherò qualche post a tutto quello che ho fatto :-)

    E.

    RispondiElimina
  3. Capisco perfettamente quello che hai provato... ne avrei bisogno pure io!!! staccare la spina ci fa molto bene per ritrovare un certo equilibrio... :P

    RispondiElimina
  4. @Giulia: diciamo che ho fatto ordine in un bel po' di cose :-)

    E.

    RispondiElimina
  5. cavolo! ci voleva proprio una vacanza così ... mi ci vorrebbe anche a me, peccato che quest'anno, è la prima volta che non andrò da nessuna parte :(

    RispondiElimina
  6. son già passate due settimane .. volano quando si è in vacanza, vero? bé lo chiedo a te: io lavoravo ;)

    cmq sottoscrivo tutti i punti, specie dove parli di 3 di notte, vino e varie ed eventuali .. un paradiso :)

    cmq: bentornato :)

    RispondiElimina
  7. direi che sono state due settimane di vita vera...
    però ci sei mancato
    bentornato ^____________^

    RispondiElimina
  8. @Francesca.84: e porca miseria... ti rifarai l'anno prossimo, dai :-)

    E.

    RispondiElimina
  9. @chaillrun: un vero paradiso :-)

    E.

    RispondiElimina
  10. @Pupottina: e a me fa piacere essere tornato da voi :-)

    E.

    RispondiElimina
  11. Bentornato E, l'importante è aver passato bene queste due settimane.

    RispondiElimina
  12. @Paòlo: ma grazie! Passate benissimo guarda ^^

    E.

    RispondiElimina
  13. Bentornato Ema...le vacanze devono essere così...rigeneranti e basta.

    RispondiElimina
  14. A Emanuè!!!!!!
    come sei romantico e quasi tenero!!!!!
    sei riuscito con bellezza a catturare e fermare le emozioni di tutti noi!!!!

    ci saranno ancora tantissime due settimane per noi ora che ci siamo ritrovati...che dici fra un mese... comunque ricordati sempre la "sagra del fegato....nostro!!!!"...dai un abbraccione speciale ad Ele.

    linda

    ps è la prima volta che scrivo su un blog... guarda che me fai fà....!

    RispondiElimina
  15. MMMGGGGRRRRMMMM....
    Ah! Oh! Porc' Ehehehe! Cazz'
    agngngngngn...
    Ouf! Halla mah halla!
    Gluck gluck! Pampero!
    Glab!
    kebab!

    snaps!
    Gianluca

    RispondiElimina
  16. Ti ringrazio delle tue parole e della tua solidarietà.Saluti a presto

    RispondiElimina
  17. hai fatto bene a prenderti una bella pausa, ci vuole ogni tanto... mi dispiace che sia finita... bentornato, comunque!

    RispondiElimina
  18. @Linda: quando si dice "miracolo" XD Guarda, tra un mesetto non so se riusciamo, proprio oggi abbiamo ripreso a studiare. Per quanto riguarda la sagra del fegato sarebbe veramente bello, anche se devo vedere bene perché da settembre a dicembre lavorerò in università :-)

    E.

    RispondiElimina
  19. @Gianluca: diobaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

    E.

    RispondiElimina
  20. @Cavaliere: di niente, caro. Un abbraccio e a presto ;-)

    E.

    RispondiElimina
  21. @cri: e pensare che oggi è veramente finita la pausa :-(

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.