24 maggio 2011

Volando e pensando al futuro

volando

Ebbene sì. Oggi ho superato i 100 lettori.
Cosa posso dire a riguardo… grazie a tutti, veramente :-)
Ho anche deciso di fare la mia prima intervista, che a breve (si spera, dipende tutto da quando mi deciderò a farla) vedrete comparire sul blog Prove Tecniche di Sogni.

Che dire ancora… si continua a studiare.
Studiare, studiare, studiare e studiare.
Oggi ho fatto gli schemi della bellezza di due libri, e tutto per l’esame di Storia del Libro. Giuro che se il corso non fosse stato così stimolante, non mi accingerei ad affrontarlo con lo stesso entusiasmo di cui sono preda in questi giorni.
Speriamo in bene dai.
E dopo l’esame appena citato ne dovrò affrontare altri sei. Sono pazzo? Sì… un po’ matto lo sono sempre stato, ma in qualche modo bisogna pur recuperare la disastrosa sessione di gennaio/febbraio, e quello di non dormire la notte per studiare è l’unico modo. Diciamo che mi sforzo anche per riuscire a prendere la laurea nei canonici tre anni. Poi chissà…
Confesso che molte volte penso a cosa farò una volta finita la triennale. Nei miei pensieri si sviluppano due vie:

  1. iscrivermi alla specialistica iniziando a lavorare;
  2. lavorare;
  3. lavorare per cominciare a mettermi via i soldi per un mio futuro addio all’Italia.

Diciamo che la terza via è quella che in questi ultimi mesi sto valutando con grande attenzione. Anche se sarebbe meglio fare anche la specialistica a ‘sto punto, meglio presentarsi con un buon curriculum in quel dei foresti.
Mete ambite? Risulta facile indovinarlo a coloro che mi seguono da un po’ di tempo: Budapest (in realtà è più il bisogno di rivederla) e Londra. Devo dire che si sta insinuando anche la voglia di andare a provare gli USA, ma sono ancora molto indeciso.
Sono arrivato ad un punto tale di sconforto che accetterei un qualsiasi posto (che sarebbe sempre meglio di un posto qui in Italia), in una qualsiasi parte del mondo (anche se prediligo i luoghi freddi, o con clima temperato).
Io me lo sto ripetendo da mesi: «se la situazione continua a peggiorare, me ne vado e non mi vedrete più». Spero tanto di avere poi il coraggio necessario per mollare tutto e farmi una vita altrove… speriamo.

Va be’, basta. Sto volando un po’ troppo in alto. Per ora sarebbe meglio continuare a concentrarsi sugli studi e alla tesi del prossimo anno.
A presto :-)

 

E.


Forse stasera inizierò a lavorare al mio nuovo progetto. Romanzo? Racconto? Chi lo sa… Posso solo dirvi che riguarderà dei personaggi che avete già avuto il piacere di conoscere.
Voi cercate pure di indovinare :-) da me non verrete mai a saperlo.

41 commenti:

  1. In Italia è veramente dura...io mi sto preparando psicologicamente ad andare via. Se posso consigliarti, fai la specialistica. Ti permetterà di avere più possibilità all'estero...in Italia, se la fai o non la fai, cambia poco...tanto il lavoro non lo trovi comunque..!
    In bocca al lupo per i tuoi 7 esami (tu per me sei pazzo... :P ) ! :)

    RispondiElimina
  2. se mi permetti un consiglio ti direi di non avere troppa fretta,la specialistica ci vuole eccome!tanto per uno che da 7 esami in un botto cosa vuoi che sia qualche annetto in piu'?in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  3. @Nanìa: infatti ci sto pensando seriamente a farla la specialistica.
    Mah... pensiamo alla triennale intanto.

    E.

    RispondiElimina
  4. @Sabrina: proprio per quello vorrei prenderla, però lavorando. A ottobre faccio 24 anni, e sarei abbastanza stufo di gravare ancora sulle spalle dei miei. :-)
    Sì ok... sto preparando 7 esami, ma non è ancora detto niente sul fatto che io riesca o no a passarli XD

    E.

    RispondiElimina
  5. IO voglio andarmene a Berlino!
    Magari da gestionale dovrei farcela :D speriamo in bene!! :)

    RispondiElimina
  6. Londra senza dubbio. Io l'ho fatto ( qualche anno fa... beh venticinque :-D) e non me ne sono mai pentito.

    Ciao Paolo

    RispondiElimina
  7. @Filippo: bella meta anche quella :-)

    E.

    RispondiElimina
  8. @Paolo: ci sono stato due volte a Londra. Sono il primo a dire che viverci dev'essere tutta un'altra cosa, però me ne sono innamorato perdutamente :-)

    E.

    RispondiElimina
  9. 7 esami? E sti' cavoli!!

    Cmq, a mio avviso, io ti consiglierei di provare a fare la specialistica dopo la triennale .. e male che vada poi di pensare di trasferirti ..

    Anche perchè, visto com'è ora l'andazzo italiano, trovare un posto di lavoro è peggio che trovare l'ago in un pagliaio!

    RispondiElimina
  10. @katiu: guarda, sono sempre più convinto di fare come dici tu :-)

    E.

    RispondiElimina
  11. mmmmhhhh ... STORIA DEL LIBRO? scusa ma che facoltà frequenti? per curiosità? ho visto che ne parlavi anche sul gruppo di FB ... a me mancano 4 esami per finire, e sono al mio primo anno fuori corso, ho abbastanza le idee chiare in merito al dopo, cioè non continuerò, perchè già sto facendo fatica a finire ... mi butterò o su un master o su un corso più mirato e privato per poter lavorare nell'editoria che è il mio sogno ... l'idea dell'estero un po' mi terrorizza, nel senso che bisogna avere una grande capacità di adattamento, però non è male come idea :)

    RispondiElimina
  12. @Francesca.84: frequento Lingue e Culture per l'Editoria a Verona :-)
    Anche la tua opzione non è male, però per un master ci vogliono grandi soldoni (da quello che so io).
    COmunque l'opzione condivisa è andarsene di qui, e non posso far altro che condividere :-)

    E.

    RispondiElimina
  13. Un'altro cervello in fuga... e vabbè d'altronde c'hai ragione!

    RispondiElimina
  14. Grazie di aver citato il mio blog! Per l'intervista nessun problema, mi fa sempre piacere ospitare chi desidera raccontarsi! Quando vuoi aspetto la tua mail!

    RispondiElimina
  15. Oddio non è che andare all estero sia il bene assoluto e l italia il male.... perché è sbagliato pensare o far passare questa idea... Certo in Italia non si sta bene ma dovremmo forse combattere dall interno per cambiare questo paese. Anche perché a Budapest a Londra o a new York anche li hanno dei problemi, anche li noi giovani avremmo delle difficoltà, forse meno che in italia ma stiamo vivendo un periodo di crisi mondiale... Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  16. Opzione: Specialistica + lavoro...
    Se riesci a trovare qualcosa conciliabile con lo studio...
    La specialistica è una volata..rispetto alla triennale, probabilmente perchè quando ci si arriva si è già più grandi e consapevoli, si affronta meglio il mondo universitario. Se ne hai la possibilità, fai l'Erasmus...
    E finita la specialistica un viaggetto all'estero è sempre consigliabile! Io vorrei andare in Svezia,me ne sono innamorata grazie al mio lavoro di tesi triennale. Oppure in Australia..ma non è facile..ci vuole il visto, e gli Italiani non sono visti di buon occhio!!!

    RispondiElimina
  17. Perché, che c'è che non va in Italia?
    :)
    Seriamente, abbiamo bisogno di voi "più giovani" cervelli (ché ggiovane lo sarò sempre anch'io, sticazzi), sennò questo paese è definitivamente fottuto. Però vi capisco, oh, eccome.

    RispondiElimina
  18. caro Emanuele,
    solo tu puoi decidere e sono certo che lo farai nel migliore dei modi.
    Non essere così pessimista però per l'Italia eh? non tutto è perduto, al contrario, ci sono un sacco di opportunità che si possono cogliere.
    Se proprio vuoi andare all'estero, io non avrei dubbi: USA forever. Rimane sempre una terra di grandi opportunità, come nessun altro luogo al mondo.
    ps: vai avanti dopo il triennio, se vuoi lavorare lavora, ma vai avanti. Hai stoffa da vendere e tu troverai di sicuro il tuo spazio.
    Parola mia. ciao

    RispondiElimina
  19. Provo amarezza ma anche invidia, per chi si accinge a lasciare la patria della MERITOFOBIA... Se qualcuno di voi ragazzi avrà così tanta fortna da diventare un avamposto e un rifugio, ricordatevi del povero Scrittore Non Autorizzato, e fategli un fischio d'invito... :-))

    RispondiElimina
  20. prima rispondo al tuo commento: se è già nella tua libreria personale prima o poi lo leggerai... accade sempere così.... arriverà il suo turno.

    RispondiElimina
  21. la terza opzione credo sia la migliore... se trovi un lavoro altrove potresti provare a specializzarti lì direttamente... certo è dura!
    ma, se non hai grossi legami, meglio cercare di costruire altrove. qui tagliano le gambe a tutti e va sempre peggio... invidio il tuo coraggio!
    buon mercoledì ^_____^ e buono "studio matto e disperatissimo" ... ma che non siano i sette anni leopardiani ;-)

    RispondiElimina
  22. No Ema, se tutti voi ve ne andrete...che ne rimarrà dell'Italia...dai secondo me un pò meno pessimismo e un pò più di speranza...e in cullo alla balena per i tuoi esami...non t'amazzare però.

    RispondiElimina
  23. Fai e vai..non aver dubbi, mai. Vola.
    E'l'augurio più sincero che ti posso fare :-)

    RispondiElimina
  24. Tanti auguri per l'esame e.. continua così!

    RispondiElimina
  25. @Marta Traverso: magari stasera te la mando :-)

    E.

    RispondiElimina
  26. @Andrea: sono pienamente convinto di quello che dici, non ho detto che l'Italia è il male assoluto e l'estero il bene, ma pensa a una cosa. All'estero le università accolgono noi giovani italiani a braccia aperte, qui ci sbattono in faccia ogni porta possibile.
    Scusami... ma preferisco andarmene...

    E.

    RispondiElimina
  27. @Artemisia1984: grazie per essere passata :-) Per le mete, per ora, rimango convinto di quelle da me citate :-)

    E.

    RispondiElimina
  28. @web runner: credimi... amo il luogo in cui sono nato, ma il limite di sopportazione è stato raggiunto.

    E.

    RispondiElimina
  29. @Massimo: spero proprio che tutto non sia perduto... per ora continuo ad andare all'università, e questa è già un'opportunità bella e buona. Quello che mi preoccupa è il dopo.

    E.

    RispondiElimina
  30. @Zio Scriba: non preoccuparti carissimo, la stanza degli ospiti sarà pronta per riceverti :-)

    E.

    RispondiElimina
  31. @Pupottina: spero proprio di non ridurmi come Leopardi. Guarda, la specialistica vorrei comunque farla qui perché c'è un indirizzo che mi interessa molto. Per il resto, staremo a vedere.

    E.

    RispondiElimina
  32. @Laura: sono il primo a dire di voler rimanere per tentare di cambiare le cose, ma la mia paura è di non riuscirci per poi trovarmi a uniformarmi ai pecoroni che fanno di sì come ossessi.
    Meglio andarsene, poi semmai tornare.

    E.

    RispondiElimina
  33. @chaillrun: ma grazie per l'augurio :-)

    E.

    RispondiElimina
  34. @Mr.Tambourine: che crepi, il bastardo :-)

    E.

    RispondiElimina
  35. @Carolina: MAI FARE GLI AUGURI XD XD XD no dai scherzo, grazie grazie e sperimao in bene :-)

    E.

    RispondiElimina
  36. quanto ti capisco Secco!!!!!! :( io sono combattuta perché vorrei andarmene e anche restare... diciamo che il mio sogno sarebbe quello di girare per il mondo senza una meta fissa! ;) non credo affronterò subito la specialistica dopo la triennale... primo perché non ho i soldi per poterlo fare e secondo perché vorrei vedere cosa riesco a trovare dopo questi anni di studio! in caso più avanti tenterò un master... vedremo!!!! però la decisione è ardua e mi spaventa... non so cosa mi aspetta e qui in Italia mi sento come se fossi in una gabbia... Chi ha il diritto di dire cosa è giusto e cosa è sbagliato? chi ha il diritto di dirci di restare se in un altro posto abbiamo la speranza di un futuro migliore? Non lo so... sinceramente penso che abbiamo una vita sola e voglio affrontarla al meglio...

    RispondiElimina
  37. hehehe come mi ci rivedo una decina di anni fa! Alla fine cosa ho fatto? esattamente tutto quello che dici: ho lavorato, mi sono iscritto alla specialistica lavorando, sono fuggito all'estero, e poi sono tornato..insomma nn è detto che debbano esserci per forza delle alternative ;)

    RispondiElimina
  38. @Andrea: come ti invidio. Ben dai, mi impegnerò con tutto me stesso :-)

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.