18 maggio 2011

Il sogno eretico

Buonasera! Buonasera a lorsignori!
Stasera voglio raccontarvi una storia molto
molto molto molto molto molto importante
e chi… E chi se ne frega!

È inutile. Dopo una giornata seduto alla scrivania sui libri non c’è niente di meglio che stendersi a letto a leggere il libro che si tiene sul comodino.
Molti mi chiedono chi me lo fa fare di continuare a versare sangue e sudore su materie umanistiche e che, nella loro insignificanti menti, non troveranno mai uno sbocco lavorativo che mi permetta di vivere in maniera dignitosa.
Be’… ‘fanculo. Meglio vivere povero ma consapevole ché ricco e mentalmente ameba. Mi trovo a digrignare i denti al solo pensiero, ma in fondo chi se ne frega… meglio per me e peggio per loro.
Le pagine assorbono la debole luce emanata dalla piccola lampadina, unica luce in camera mia. Gli occhi scorrono sulle pagine, compiendo impercettibili movimenti in avanti e indietro.
Non leggo tutte le lettere, no. Riesco a visualizzarne solo 2 o 3 alla volta, lasciandone sfocate 3 o 4 attorno ad esse. Da queste poche lettere poi potrò capire/intuire quello che sto leggendo. Niente falsa modestia… a tutti succede così, solo che non se ne rendono conto.
Dove avevo letto una cosa del genere? Ah sì, il libro è sulla scrivania. Uno dei tanti che ho letto per poter superare gli esami che mi attendono.
Prendo in mano il cellulare e tocco lo schermo touch-screen. Porco Giuda! Sono le 2… sapevo io che sarebbe andata a finire così. E domani chi si sveglia più?
Chiudo il libro, spengo la luce e mi metto finalmente a dormire.
Dopo qualche minuto riesco finalmente a trovare una buona posizione. A quel punto mollo gli ancoraggi e mi perdo nel mare del sonno…


Annunciatemi al pubblico prima di subito con espressioni di giubilo.
Annunciatemi al pubblico anche se dubito che tutti quanti mi seguano
Giù negli inferi, su con gli animi, giù seguitemi giù sempre più
Giù negli inferi, su con gli animi, giù seguitemi giù, giù...

fradolcino

Eccomi qui.
Degli eretici sono il capo.
Numerose le mie folle.
La libertà di pensiero, la regola.
L'uguaglianza, la vita.
V'è scritto, fuori dalla porta: “Il fuoco ti investirà”.

La situazione sta degenerando molto in fretta. I miei seguaci sono smaniosi di far tacere coloro che ci vogliono far tacere. Ogni volta mi trovo a dirgli che non è così che si agisce, ma puntualmente l’esasperazione prende il sopravvento.
Poveri, come li capisco. Anch’io una volta ero come loro, appena uscito dalla conformità e con la voglia di stravolgere le cose. Poi avvenne il cambiamento: diventai il capo della congrega, la guida per molte persone che non vogliono più sottostare al volere di individui sgradevoli e somiglianti a porci che si abbuffano di scarti nella porcilaia.
Forse è meglio che vi racconti come si è potuto giungere ad una situazione del genere.

Contestazioni negli atenei, cortei, No-qualcosa-Day,
ma il re si gratta gli zebedei
[…]
L’opposizione ha il K-way,
fa più acqua di un Canadair.

La situazione era degenerata nel giro di pochi anni. Il nostro paese era diviso in due: coloro che detenevano il potere da una parte e dall’altra quelli come me che si ribellavano ad un tale comportamento da parte delle istituzioni.
Il popolo non aveva più voce in capitolo e pian piano anche la cultura cominciava ad essere denigrata. Molti campi di studio vennero considerati delle amenità inutili. L’istruzione perdeva via via sempre più peso.
Avevamo persino fondato un giornale libero riportando le notizie senza passare da filtri giornalistici di alcun tipo.
Cominciammo a ribellarci sempre di più, e questo alla casta non piacque.

4 colpi al quorum. Riposi in pace il referendum in saecula saeculorum.
Scomunicammo in nome di Dio un libro di Dan Brown sul priorato di Sion dando l’avvio ad una messa a morte da Crozza ad Andrea Rivera passando per Harry Potter e fu brusio di volantini sovversivi.
Fummo costretti ad adottare metodi repressivi quindi fiato sul collo! C’è la galera per chi porta le tasche perché nelle tasche non c’è controllo! 

Tutti coloro che venivano trovati con addosso una copia del nostro giornale vennero chiusi in gabbia. Le città cominciarono così a spopolarsi sempre di più.
La nostra testata morì velocemente grazie all’azione congiunta di istituzioni e corpi di polizia, diventati ormai l’esercito di una setta sempre più vogliosa di dominare i corpi e le menti di noi tutti.
Molti esponenti delle forze dell’ordine tentarono di far ragionare i propri superiori. In galera anche loro!

In nomine Libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.

L’informazione di stato ormai era perduta per sempre. Il popolo veniva rincoglionito ogni giorno con programmi televisivi insulsi e giornali buoni solo come carta da culo.
Noi venimmo additati come il nemico supremo per la democrazia. Così la chiamavano, bel coraggio.
Non ci restava che la clandestinità. Come risposta alle norme repressive votate dal governo decidemmo di incontrarci in segreto per mandare avanti la nostra protesta. Tuttavia, più di affissare qualche volantino provocatorio alle porte delle chiese di molte città, non potemmo fare di più.
Ci sentivamo come dei moderni Illuminati, o meglio, dei moderni eretici. Costretti alla clandestinità dai poteri superiori. Molte volte gli infami tentarono di trovare, inutilmente, i nostri nascondigli. Eppure la città era letteralmente tappezzata di indizi, ma a coloro la cui mente era ormai incasellata in un modello di governo risultavano incomprensibili.
I controlli erano sempre più rigidi, e ogni tanto qualcuno dei nostri veniva beccato e sbattuto in gattabuia. Molti di loro vennero anche costretti a fare abiura delle proprie idee.
Dopo qualche anno si passò alle pubbliche esecuzioni.
Molte volte erano gli stessi genitori che arrivavano al punto di denunciare i propri figli. Molte mogli tradirono i rispettivi mariti, e fratelli e sorelle i proprio consanguinei.
Per i politicanti la parola d’ordine era: controllo!
Persino la Chiesa si uniformò al nuovo regime, sciogliendo il segreto confessionale e consegnando molti dei nostri compagni alla ghigliottina.

 

E sono cose come questa che fanno perdere la testa.
Ti fanno perdere la testa per farti perdere.
Non perdere la testa, non devi perdere la testa, […] non devi perdere.

 

Sto ripensando a tutta la storia, con un fumetto che illustra al pubblico tutti gli avvenimenti, quando uno dei nostri adepti entra in sede sbattendo la porta e gridando allo scandalo.
Alcuni dei sodali corrono a calmarlo chiedendogli cosa ci fosse da urlare sì tanto. Dopo qualche minuto di inutili vaneggiamenti afferma che un altro dei nostri è stato catturato dalle milizie cittadine.
“Ecco… un altro eretico perduto”, penso con tristezza.
Il sodale terrorizzato lentamente si alza e mi si avvicina, per bisbigliarmi quella che è forse la più cattiva delle notizie. Il catturato è stato appeso per i piedi ad un lampione, scuoiato, e lasciato lì a marcire con inchiodato al petto un cartello sul quale erano scritte queste parole: “Ero un eretico, ora sono morto”.
Sono sconvolto. La violenza della soppressione si è evoluta in un qualcosa che non ci saremmo mai immaginati.
Il sodale mi disse anche che era cominciata una perquisizione a tappeto delle città nelle quali si sospettava sorgessero organizzazioni clandestine come la nostra, e che in molte città gli eretici catturati erano stati bruciati al rogo.
È tornata l’inquisizione. E poi gli eretici saremmo noi… come si dice quando il criminale uccide quello che secondo lui è un criminale?
-Basta!-, dissi. -È ora di finirla! Avvisate le altre sedi, domani usciremo allo scoperto!-

burning-01

Portiamo il dito medio di Galileo,
portiamolo alla testa del corteo,
nessuno sarà più chiamato babbeo,
se lo infilerà nei pressi del perineo. 

Stiamo tutti ripetendo quelle parole e portando a spalla l’altare con il dito medio di Galileo Galilei, simbolo della nostra ribellione al sistema.
Siamo in decine di migliaia.
Le torce che molti di noi tengono in mano non riescono a svelare i nostri volti incappucciati.
Sembra di essere in una processione di altri tempi. Tutti vestiti con la propria tunica rossa, il simbolo della nostra eresia. Sembriamo un lago di sangue che invade le strade o una lingua di fuoco ormai decisa ad ardere tutto ciò che si oppone al libero pensiero.
Le milizie non sanno che fare. Non si erano mai trovate davanti ad un numero così grande di eretici. Sono però convinto che lo scontro non tarderà ad arrivare.
Ecco… dalle prime file sento arrivare delle grida. La battaglia è iniziata.
Sono sicuro che perderemo…  ma sono fiero, come capo di tutto questo, di averne fatto parte.

Mi bruci per ciò che predico,
è una fine che non mi merito,
mandi in cenere la verità
perché sono il tuo sogno eretico…

 

Beep beep!
Dannata sveglia…
Apro lentamente gli occhi.
Vedo delle sagome sfocate chine verso di me.
Lo stupore è così tanto da farmi strofinare gli occhi tirando uno sbadiglio.
Le figure si mettono a fuoco, e si rivelano essere dei capi incappucciati di rosso.
Urlo dal terrore.
Sei mani si appoggiano sul mio petto impedendo i miei deboli tentativi di scappare.
Uno dei tre, tenendomi sempre più forte, urla: –Ora basta, smettila!-
Mi fermo. Ho il fiatone.
-Chi siete? Che volete da me?-
Non riesco a capirci niente.
-Chi siamo? Non ci riconosci?-
-No!-, gli rispondo. Sono sempre più confuso.
-Come no?! Ci hai ordinato di prepararci per la processione mentre tu andavi a riposare…-
All’improvviso mi è tutto chiaro.
Sento un dolore improvviso al cranio. Sono ricordi di sogno e di anni passati a lottare contro il regime che si impongono a forza tra le sinapsi. Mi scende un filo di sangue dal naso.
Il dolore è insopportabile, ma necessario. So di non poter più tornare indietro.
La crisi finisce dopo pochi secondi. Sono intontito dal male.
-Tutto bene, capo?-
Alzo lo sguardo verso le tre figure incappucciate. Ora li riconosco… sono tra i miei sodali più fidati.
-Sì… ora sì…-
I tre tirano un sospiro di sollievo.
Mi alzo dal letto, continuando a fissarli.
-Passatemi la tunica, per favore.-

Accetti ogni dettame senza verificare ti credi perspicace ma sei soltanto un altro dei babbei e ti bei…

 

 

E.


Questa specie di racconto mi è stato ispirato da Michele Salvemini (in arte, Caparezza) e dalle sue canzoni: Tutti Dormano, Annunciatemi al Pubblico, La Ghigliottina, Non Mettere le Mani in Tasca, La Ghigliottina (ancora), Il Dito Medio di Galileo, Sono il tuo Sogno Eretico e Il Dito Medio di Galileo (ancora).

38 commenti:

  1. Voglio il tasto ''Mi piace'' !!!!
    Bello complimenti;)

    RispondiElimina
  2. Ma certo che c'è il tasto "Mi piace" :-)

    E.

    RispondiElimina
  3. ❤‿❤
    Complimenti davvero ...
    come si dice a Roma ???
    'NA FAVOLAAA ...
    =)))

    RispondiElimina
  4. sei un grande Emanuele,
    e fai anche ridere che va sempre bene !
    ciao ciao

    RispondiElimina
  5. @Massimo: grazie Massimo, anche se in realtà non l'ho pensato per ridere :-)

    E.

    RispondiElimina
  6. Più terrificante di "V per vedetta" "Equilibrium" e "GATTACA" messi insieme! Terrificante perchè non così poco probabile. Bravo!

    RispondiElimina
  7. Ho trovato geniale accostare il "Capa" ad una storia, come diceva Waterwitch, non così poco probabile. Per il resto, anche se obiettivamente lungo, questo post è così ben scritto che è scivolato via senza alcun problema :) complimenti.

    RispondiElimina
  8. Grande Ema...ahahahah, io mi rilasso con la tv...e che ci posso fare...comunque spero tu abbia dormito veramente bene!

    RispondiElimina
  9. Beh, complimenti...gran bel post! L'idea del viaggio onirico accompagnato musicalmente mi piace un sacco :)

    RispondiElimina
  10. Spero per te che ci sia il seguito!

    :-) molto "intrippante!, bravo E.

    Filippo

    RispondiElimina
  11. capita anche a me... se mi metto a leggere a letto e la storia del libro mi prende, si fanno le 2 e sto ancora lì...
    apsetto di sapere il seguito ;-)

    RispondiElimina
  12. Capperi! mi hai fatto venire i brividi... e ti giuro che non è colpa della febbre! sei GRANDE.

    RispondiElimina
  13. Il mio unico rimpianto, è che il Capa e, ovviamente, il protagonista Eretico soggetto principale delle tue parole, non avran la possibilità di godere del tuo immenso capolavoro. Tutta la mia stima uomo. Mitico!

    RispondiElimina
  14. @Waterwitch: allora inchinatevi davanti al vostro dio degli eretici XD XD XD

    E.

    RispondiElimina
  15. @il_cesco: ma grazie :-) pensa che inizialmente volevo scrivere solo un pezzo usando la canzone Sono il Tuo Sogno Eretico.
    Appena mi sono seduto al computer la cosa mi è sfuggita di mano :-)

    E.

    RispondiElimina
  16. @Laura: liberato dal peso di questa scrittura... sì... ho dormito benissimo :-)

    E.

    RispondiElimina
  17. @Filippo: chissà se ci sarà un seguito XD

    E.

    RispondiElimina
  18. @Pupottina: eh già, i libri sono peggio di una droga :-)
    Perché siete tutti convinti che ci sarà un seguito? XD

    E.

    RispondiElimina
  19. @La Toni: addirittura :-) ma grazie :-)

    E.

    RispondiElimina
  20. @Ser Vlad: ma grazie :-) guarda, ho mandato un messaggio, segnalando il post, al profilo ufficiale myspace del Capa, sempre sperando che sia lui a gestirlo...
    Staremo a vedere :-)

    E.

    RispondiElimina
  21. Non sanno quanto si sbagliano! Le materie umanistiche sono molto importanti e ti capisco molto bene nel tuo voler perseverare.

    RispondiElimina
  22. Ciao davvero divertente ;)
    Concordo con "Meglio vivere povero ma consapevole ché ricco e mentalmente ameba".
    A presto

    RispondiElimina
  23. @Eva Q: a presto cara Eva, e grazie per esserti unita ai lettori del blog :-)

    E.

    RispondiElimina
  24. @Paolo: forse sì... o forse stiamo dormendo un po' tutti :-)


    E.

    RispondiElimina
  25. Una fitta trama di racconto intensamente partecipato, che denota una forte capacità espressiva, non scevra di robusta vena amaramente satirica, soprattutto in ordine alla tensione civile e culturale.

    RispondiElimina
  26. @Adriano: ma grazie :-) alla fine è stato tutto un po' improvvisato... diciamo pure che stavo scrivendo un altro tipo di post, riguardante una canzone di Caparezza, e che poi questo mi è sfuggito dalle mani :-) Sno state due ore di lavoro intense, ma non sono mai stato così sollevato nel premere il tasto "Pubblica" :-)

    E.

    RispondiElimina
  27. Veramente un ottimo lavoro...un racconto basato sul capa è qualcosa di micidiale! :)

    Ps: un seguito ci deve essere per forza ;)

    RispondiElimina
  28. Ciao Emanuele,notevole,bravissimoooooooooo.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  29. continui a volare alto, caro Ema. Capa come ispirazione è davvero geniale, mi piace! P.S. tra l'altro mi hai fatto ricordare un sogno di stanotte. Se dovessi vincere, ti verserò una giusta percentuale! ;)

    RispondiElimina
  30. @Lulaj2190: mah, vedremo... per ora è stato pensato come post senza continuazione ma con vari approfondimenti sul tema :-) Uno l'ho pubblicato proprio oggi

    E.

    RispondiElimina
  31. @achab: grazie mille :-) è stato un lavoraccio, ma me ne compiaccio :-)

    E.

    RispondiElimina
  32. @TuristadiMestiere: presa in parola eh?! XD

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.