8 marzo 2011

Sull’urbanizzazione della mia vita e della mia scrittura

sottofondo: The Dave Brubeck Quartet – Take Five

Questo è uno di quei post che mi assillano il cervello da un po’ di tempo. Diciamo che è a metà strada tra quelli a cui pensi ogni giorno che passa e quelli a cui accennavo in Di quando le idee spuntano fuori dopo un lungo deposito.

citta

Ho sempre pensato che l’ambiente cittadino non fosse un buon posto per vivere, troppo caos, traffico e stress. Tutt’ora penso che vivere in una città di grandi dimensioni mi porterebbe ad un livello di nervosismo senza precedenti, e già sono un tipo abbastanza e facilmente adirabile (irritabile non rende affatto l’idea). Vivere con un continuo sottofondo di macchine che si muovono, motori che rumoreggiano, tubi di scarico che fumeggiano, vigili che bestemmiano e passanti che civilmente si spintonano contendendosi quel poco marciapiede che la comune amministrazione ha concesso loro non è proprio il primo dei miei sogni.
A fare un po’ da controsenso a questo mio sentimento, però, ci sono le città di Budapest e Londra. Nella prima ho vissuto tre anni, però nella zona di Buda e quindi molto più tranquilla del centro città, e la seconda l’ho visitata due volte e, se avete letto le prime tre parti del Diario di Londra, me ne sono innamorato profondamente.

Dicevamo… la città, in quanto agglomerato di centinaia di migliaia, se non milioni, di persone è per me un ambiente psicologicamente insostenibile. So benissimo che viverci è incredibilmente comodo in quanto hai a disposizione tutto quello che ti serve a pochi passi da casa, ma io sono fatto così… non ci posso far niente. Metti che un bel giorno mi venga voglia di andare in montagna, chi me le fa fare una o due ore di macchina solo per uscire dalla metropoli in cui abito?
Devo però ammettere che da qualche tempo ho quasi cambiato idea, mi spiego: da quando sono tornato a Londra (e purtroppo ripartito… sob!), e ho potuto ammirare l’incredibile varietà di fauna (termine che non indica per forza la sola popolazione femminile della city), ho cominciato a pensare che forse vivere in una metropoli non dev’essere poi così male. Questa mia considerazione non prende in causa lo smog, il traffico e via dicendo, ma la scrittura. Per come la vedo io dev’essere fantastico essere uno scrittore e vivere in città. Il solo camminare per strada, può portarci a contatto con una varietà di individui che se vivessimo in campagna ci sogneremmo di incontrare.
La città offre mille situazioni, milioni di spunti per un buon racconto e offre una buona rappresentazione dell’intera gamma di campioni psicologici di cui la razza umana è composta. Si va dai suonatori delle metropolitane, al ragazzo che ti consegna i giornali per strada, al ristoratore che ti corre incontro per invitarti a mangiare nel proprio locale, ai bar sempre pieni di gente più o meno sana, ai pittori per turisti, ai novelli scrittori e poeti che riconosci subito in quanto seduti al parco o in piedi sul ciglio di un ponte a scrivere sulla loro fidata Moleskine. Puoi trovare lo scorbutico uomo di affari (che magari farai morire per primo all’interno della tua storia) come la ragazza che ti mangia con gli occhi anche se hai solo dei pantaloni eleganti e fai vedere di avere almeno 50 euro nel portafoglio. La madre di famiglia che fa la spesa e contemporaneamente tiene a bada cinque marmocchi che ne combinano una più del demone terracqueo. L’ubriaco il quale, se gli dai corda, comincerà a raccontarti per filo e per segno il tuo miglior libro e che non sapevi neanche di aver scritto, ma che adesso, furbo, correrai a casa a mettere su carta senza degnarti di citare quell’individuo che te l’ha praticamente dettato. Il libidinoso che mentre stai urinando beato e pacifico ad un orinatoio pubblico, di un bar o di quello che vuoi, ti mira e rimira il pene con occhi da allupato. Ragazzine completamente ubriache che ti salutano da una limousine in corsa togliendosi le mutandine e aprendo le gambe di fronte alla star di turno (Nano, Nano, sei un Caimano!) e passanti che le guardano forse pensando, «idiote…» (per non dire qualcos’altro). Pedoni indifferenti e altri fin troppo invadenti. Clown di strada che per raccattare anche solo un paio di monete intrattengono una ventina di persone…

Ploch! Ecco… lo sapevo… anche la merda di cane… 

Ma guardi che è un chiwawa, neh?!

Sì ma caga come un ippopotamo, dai…

Guardi che se non si calma chiamo i vigili, neh?!

E io le riempio la bocca con le feci del suo cane, che lei si è sistematicamente dimenticata di raccattare con sacchetto e paletta… in un cestino o nella sua gola per la merda è lo stesso!

Queste e molte altre storie sono quelle di città.
Ogni storia è lì che ti aspetta, attende solo di essere scoperta e scrupolosamente analizzata dalla tua penna. Ogni dialogo è lì, è presente ogni giorno in tutti i posti in cui vai, aspetta solo di essere immortalato.

Ma alla fine di tutto… io ci andrei mai a vivere in città?
A questo punto potrei dire anche di sì… sempre che non mi veda passare davanti a casa l’Ape con sopra Franceschino.  La tv l’ho già sfasciata… toccherebbe allo stereo ma non riuscirei più a scrivere senza.

 

E.

13 commenti:

  1. Diciamo che la grande città, più che altro, è stancante. Sicuramente uno scrittore può trovarci dentro tante, taaante fonti d'ispirazione, ma non è detto che un paesino si riveli meno affascinante o ricco di strane storie...anche gli animali e la tua stessa interiorità potrebbero rivelarsi pieni di giungle narrative da esplorare.

    Filippo, un segnino momentaneamente trapiantato a Parigi

    RispondiElimina
  2. Si certo, ovvio che un paesino è affascinante quasi allo stesso modo. Posso dire che hai anticipato l'argomento di un mio prossimo post XD

    Certo è che, in quanto a quantità di fonti ispiratrici, la città mi sembra che batte in lunghezza i piccoli centri urbani.
    Poi secondo me c'è anche una distinzione per genere... ma di questo parlerò nel post che ho annunciato poco fa :-)

    E.

    RispondiElimina
  3. Anche io sono innamorata di Londra, anzi dire innamorata è dire poco, è mia, non so come altro spiegarlo, da quando ci sono stata è perennemente nella mia testa, mi manca tantissimo, anche se per la verità, anche la campagna inglese mi ha fatto lo stesso effetto...diciamo che l'Inghilterra in generale mi si è attaccata addosso ed io a lei :)
    Io però sto in campagna e non potrei mai vivere in città, proprio non ci riesco, la soluzione ideale sarebbe potersi permettere una seconda casa da quelle parti...un po' qua un po' là...potendoselo permettere ;)

    RispondiElimina
  4. Hai ragione dipende da città a città. Prendiamo per esempio MIlano, Como, Varese le tre città che ho vicine io.

    Milano, no grazie. Troppo di tutto. Mi va bene fare la pendolare, come ho fatto per l'università, per lo shopping, per i concerti.

    Como, sì a Como forse ci vivrei...il lago è bellissimo.

    Varese...è freddissima...no grazie.

    In fondo sto ben dove sto.

    RispondiElimina
  5. credo che la soluzione si poter stare nelle vicinanze del centro.. dove sto ora è perfetto perché non sono né sperduta nei meandri della campagna né in pieno centro con lo smog che mi intasa i polmoni.. una via di mezzo è la cosa giusta! certo è che se vivessi a Londra non me ne sbatterebbe assolutamente niente del traffico..li è bello pure quello!! ahahha :P

    RispondiElimina
  6. ah no..assolutamente no! Io non riuscirei proprio a starci in una città....forse perchè non sono una scrittrice :)
    Non lo so, troppa confusione...sono un'anima tranquilla io...
    Figurati che mi da ansia anche solo andare a Verona.

    RispondiElimina
  7. da cittadina della Capitale ti dico che scapperei domani mattina, se potessi! Roma è una delle città più belle del mondo, ma viverci è un'altra storia. E non è solo la confusione o lo smog: è l'inciviltà che ti uccide. In una realtà più piccola magari è meno evidente, qui statisticamente sei sommerso da atteggiamenti incivili che rendono la vita impossibile. E poi io in un'altra vita ero un albero o un pesce. Quindi non sono nel posto giusto. ;)

    RispondiElimina
  8. :D PERDONO mi si è impallato il pc, ho dato invio e sono venuti fuori taaaaaaaaaaaaaaanti commenti tuuuuuuuuuuuuuuuuuuuutti uguali.

    RispondiElimina
  9. @Lumaca: beh, posso dire di capirti benissimo... soprattutto su Londra. Non so che ha quella città, è semplicemente magica.

    E.

    RispondiElimina
  10. @Laura: ma che bella zona quella del lago. Ci sono stato solo una volta da piccolo, ma è veramente bella :-) Certo, lo star bene in un posto è molto soggettivo... forse potrei impazzire anch'io dopo anni di città... chissà.

    E.

    RispondiElimina
  11. @Giulia: ed eccone qui un'altra che adora profondamente Londra. Io ad esempio non riuscirei mai a vivere in un condominio di quelli che si vedono nella periferia di Milano...

    E.

    RispondiElimina
  12. @Daniela: ammetto tranquillamente che Verona, nel suo piccolo, a volte è molto stressante, soprattutto per il fattore traffico.

    E.

    RispondiElimina
  13. @TuristadiMestiere: è proprio quell'inciviltà che mi ha fatto pensare che la città sarebbe un'ottima fonte d'ispirazione per un romanzo/racconto pulp :-)

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.