22 marzo 2011

Clangore metallico

sottofondo: Linkin Park – Wrectches and Kings

paesaggio-apocalittico

«There’s a time, when the operation of the machine becomes so odious.
Makes you so sick at heart, that you can’t take part,
you can’t even passively take part.
And you’ve got to put your bodies upon the gears and upon the wheels,
upon the levers,
upon all the apparatus. And you’ve got to make it stop!»

 

Sento clangore metallico,
fa parte di me.
Sento i bassi sbattere contro il mio petto,
fanno parte di me.
Sento il battito dell’industria,
fa parte di me.

Distintamente avverto passi pesanti,
anche se lontani.
Sono loro,
sono qui per me.
Nessuno li può fermare,
battito di metallo su metallo.

Odo voci,
urla,
sospiri,
labili speranze di vittoria,
librarsi nell’aria di cenere,
tutto è fumo,
tutto è disincanto,
tutto è disperazione,
niente è come è sempre stato.

I loro battiti,
il mio battito.
Ma io mi oppongo,
voglio ergermi in piedi
e urlare: «IO SONO VIVO! NON MI AVRETE!»

Loro non si fermano,
non mi smuovo.

Per quanto continuerà
questa ordalia?
Non lo so,
forse solo la mia morte,
vana speranza di pace interiore,
mi libererà di questi battiti,
metallo su metallo,
dritti sul mio petto.

Io sono qui,
attendo…

 

«And you’ve got to indicate to the people, run in to the people on it.
And unless you’re free, the machine will be prevented from working at all!»

 

E.

20 commenti:

  1. Colonna sonora non poteva essere più azzeccata. Splendido pezzo, davvero. Parole profonde. Ispirate dalla canzone?

    RispondiElimina
  2. davvero notevole: è la giornata mondiale della poesia (21 marzo) che vi ha contagiati tutti quanti? :D

    RispondiElimina
  3. @Zio Scriba: ah guarda... rinuncio ufficialmente a volerci capire qualcosa. Appena messa su la canzone ho preso in mano l'agenda letteraria e ho scritto di getto :-) Non ho neanche dovuto correggere.

    E.

    RispondiElimina
  4. Leggendo questo pezzo mi sovviene una domanda: perchè non lo metti in musica? Nella mia ignoranza non so se esista il metal in lingua italiana ( a parte Pino Scotto e frutto del buio dei Blind Guardian). Se non ce n'è, perchè non cominciare? E se c'è, perchè non cominci lo stesso?

    PS attimi di nostalgia: prima di partire ho fatto una lunga passeggiata in paese da me, e son passato davanti alla tua vecchia caa...

    Filippo Pizzuti

    RispondiElimina
  5. @Filippo: ah guarda, per esistere esistono. Non sono numerose come le band che cantano in inglese, ma si possono trovare se si cerca a fondo.
    Non le ho ancora messe in musica, in realtà ci avevo già pensato, perché tra studio e scrittura ormai ho poco tempo libero... e sinceramente, in quel poco tempo libero che ho cerco di sgombrare la mente. Anzi, mi sa che devo ricominciare con qualche esercizio di relax :-)

    Vediamo se mi ricordo l'indirizzo: viale Ungheria... 25 (ammetto che il numero l'ho cercato con google maps XD).
    Domani farò un post di memorie... magari ti taggo perché riguarderà anche te ;-)

    E.

    RispondiElimina
  6. Metropolis ormai in agguato reale!

    RispondiElimina
  7. @Adriano: non nego che ho pensato anche a quello mentre scrivevo :-)

    E.

    RispondiElimina
  8. Oh ma che spettacolo é? Complimenti.

    RispondiElimina
  9. mamma mia Emanuele....scrivi da dio!!!!

    RispondiElimina
  10. @Laura: troppo buona, troppo buona :-)

    E.

    RispondiElimina
  11. @Sabrina: guarda che comincio a montarmi la testa eh?! XD

    RispondiElimina
  12. dovresti cominciare (di montarti la testa dico..) perchè qui c'è parecchio materiale per cui cominciare a farlo....complimenti davvero!

    RispondiElimina
  13. @Daniela: maledetta! Bene... allora comincio! Cari amici inferiori, buongiorno XD XD XD XD XD XD
    (taci che sto cominciando a pensare seriamente a cominciare, una volto raccolto abbastanza materiale, a cominciare a inviare qualche manoscritto)

    E.

    RispondiElimina
  14. le parole sbattono metalliche anche contro chi legge. E' molto bella, soprattutto se è stata buttata giù di getto, senza ripensamenti. Solo per aver usato la parola ordalia meriteresti un premio "salviamo le parole" :) Un solo appunto: il tema della morte come liberazione è un po' abusato. Secondo me filerebbe lo stesso eliminando quel verso, così "non lo so/forse solo la mia morte/mi libererà..." anche perché se la morte ti libererà dai battiti metallici, allora non può essere "vana" speranza di pace. O forse non ho capito io cosa intendevi dire. Mi congedo con un inchino e con un applauso :)

    RispondiElimina
  15. @Turista: vana speranza di pace perché in realtà da morti non sentiremo più niente, neanche la pace che dovrebbe portare :-)

    E.

    RispondiElimina
  16. E io ci rinuncio, basta.
    Ditelo, VOI DUE. State complottando contro di me, si?
    Non ho parole.

    Eppure Emanuele io ti credevo dalla mia parte. Punto.

    RispondiElimina
  17. @Veronica: ma bellissima Veronica, non è colpa mia se scrivo così :-) Dai su, che sei bravissima anche tu :-)

    E.

    RispondiElimina
  18. bellissime parole emanuele, i miei complimenti!

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.