15 marzo 2011

Agenda Letteraria

agenda letteraria

Ricordi ormai vaghi,
ma impressi su pagina,
tenue tracce
di un passato
ormai passato.

Futili progetti,
ignorati e sbandati,
brividi di pelle d’oca
al solo pensiero.

Sfogliando,
leggendo e ricordando,
ritrovo vecchi pensieri.

Agenda Letteraria,
compagna di anni,
testimone di fiaschi e successi,
mi ha chiamato dal suo buio antro
per accompagnarmi un’altra volta…

 

E anche questa volta il progetto di prendermi finalmente una Moleskine è andato in fumo… sarà per la prossima.

 

E.

16 commenti:

  1. Come? No no no!
    DEVI avere una Moleskine! A chi può servire, se non a te?
    Te la regalo io, ecco!

    RispondiElimina
  2. Eh sì la devi avere per appuntare queste tue bellissime parole...

    RispondiElimina
  3. Uso uso sempre la cara vecchia carta da formaggio... ;)
    Scherzi a parte... non è la moleskine ha fare lo scrittore. Puoi avere tutte le moleskine del mondo e non cavarne fuori niente comunque. Non è il tuo caso. Ti basta un qualsiasi foglio di carta e il resto ce lo metti tu. Avanti così Secco! Bel pezzo! ;)

    RispondiElimina
  4. io ce l'ho la moleskineeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!! :P ha ragione Mirko caro Sekken.... avanti tuttaaaaaaa anche sulla carta straccia! :P bellissime parole ;)

    RispondiElimina
  5. se ho inteso a quali progetti alludi, non sono futili, ma capisco che provochino "brividi di pelle d'oca al solo pensiero". Potresti scrivere sul margine di un giornale come sul bordo di una tovaglia, con l'ispirazione giusta. P.S. Giusto oggi leggevo l'intervisa a Franzen in occasione dell'uscita del nuovo romanzo "Libertà" (è autore di "Le correzioni", non so se l'hai letto, un vero capolavoro) dove ha dichiarato che la "provincia" (nel suo caso americana) è fonte di grande ispirazione. Ho pensato a te e al post sul vivere in città. ;)

    RispondiElimina
  6. @Veronica: guarda, se vuoi regalarmela non ti dico di no XD XD XD XD XD (se vuoi domani ti mostro l'ultima novità ^^)

    E.

    RispondiElimina
  7. @Laura: mah guarda, ho aspettato così tanto perché io scrivo su qualsiasi supporto mi trovi sottomano. Potrei anche tornare alla tavoletta di cera dei romani se è per quello :-) No beh... pensa che una volta ho scritto dei versi anche su uno scontrino XD memorabile

    E.

    RispondiElimina
  8. @Ser Vlad: adesso provo quella per la carne ;-)
    Ovvio che non ho bisogno della Moleskine per sentirmi uno scrittore... ma sarà giusta come parola per definirmi?


    E.

    RispondiElimina
  9. @Giulia: infatti ti rimando al commento di risposta alla cara Laura ;-)

    E.

    RispondiElimina
  10. @Turista: ma allora non sarà un caso che da qualche giorno ho in mente un post sui paesini e l'ispirazione XD
    Comunque fidati, i progetti futili erano veramente futili. Ho riaperto la mia agenda che vedi nell'immagine e ci ho trovato i primi progetti per il blog... mamma mia, meno male che non le ho mai attuate quelle cose.

    E.

    RispondiElimina
  11. Non è la carta, ma è il contenuto ad essere importante ..... e questo spazio è ricco di contenuti!

    RispondiElimina
  12. @Milena@: pienamente d'accordo ;-) Hai sintetizzato tutto perfettamente :-)

    E.

    RispondiElimina
  13. Di sicuro non ti manca l'ispirazione.

    RispondiElimina
  14. Ma ai giovani interessa ancora diventare scrittori?

    RispondiElimina
  15. @Adriano: a volte sì... ma di solito non va malaccio :-)

    E.

    RispondiElimina
  16. @Costantino: a qualcuno sì... alla tua domanda rispondo: PRESENTE!

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.