17 marzo 2011

150 anni di pizza, spaghetti e mandolino

sottofondo: Caparezza – Goodbye Malinconia

piatti-150-anni-unita-italia

Direi che questa immagine riassume perfettamente il nostro popolo, o almeno quello che all’estero pensano di noi: italiano? Pizza, spaghetti, mandolino e mafia!
Sì, sì, ok… facciamo i politicamente corretti: TANTI AUGURI ITALIA. Va bene?!

Oh tu,
paese dalle mille facce,
patria della corruzione e della mafia,
in cui se non fai parte della massa vieni denigrato.

In cui la cultura,
da sempre pilastro fondamentale di ogni paese,
viene ridicolizzata, dimenticata e lasciata crollare in macerie.

In cui la Chiesa,
staterello a sé solo in teoria,
ha il potere sulle decisioni politiche.

In cui la politica,
portata avanti da signori di bianco criniti,
è diventata una parodia di se stessa.

In cui la televisione conta,
un libro fa schifo,
la storia non insegna,
la modernità lobotomizza.

In cui, dice lui, la scuola pubblica è di sinistra,
le scuole superiori sono di sinistra,
le scuole medie sono di sinistra,
le scuole materne ed elementari sono di sinistra,
e dove, sempre a detta di un tappo,
la famiglia deve essere di destra e necessariamente cattolica;
e lui è divorziato e fa festini,
i veri valori si imparano così… certo.

In cui un giovane laureato perde la sua creatività,
in cui un giovane per lavorare deve andarsene,
in cui la giovinezza non ha importanza,
in cui la vecchiaia è ancora lì, non morirà mai.

In cui la stampa è libera perché lo dice lui,
in cui l’economia è in crescita perché lo dice lui,
in cui la sinistra è una minaccia perché lo dice lui,
in cui la sanità va benissimo perché lo dice lui,
in cui la giustizia fa schifo perché pizzica lui,
in cui la scuola pubblica è una merda perché lo dice lui,
in cui la cultura non è importante perché lo decide lui,
in cui l’immigrato fa paura perché lo dice lui,
in cui dittatori vanno e vengono perché fa comodo a lui;
ma non sarà per caso un revival degli anni ‘30?

Scusate questo mio piccolo sfogo… ma non potevo farne a meno.
Certo, trovo che sia giusto festeggiare per le gesta di coloro che volevano un Paese unito sotto un’unica bandiera… per carità. Ma a cosa sono serviti 150 anni?
E indovinate un po’… il governo ci vuole così bene che come regalo per il 150° dell’Unità d’Italia ha praticamente nominato Giancarlo Galan alla carica di ministro dei Beni e delle Attività Culturali. Così potremo tranquillamente sotterrare nel campo di grano sotto casa i libri ai quali siamo affezionati.

Cari parlamentari, andate affan…

Alla fine non voglio fare gli auguri all’Italia, ma a coloro che tutt’ora si ostinano a non farsi travolgere dal gregge, a coloro che desiderano imparare, ricordare e non farselo mettere nel culo dalla televisione. La nostra Italia è ancora questo, patria del pensiero e della volontà di essere liberi. Forse qualcosa di bello c’è ancora… e quelli siete voi.

A tutti voi faccio tanti auguri!

 

E.

25 commenti:

  1. Meno male che ti ho fregato le canzoni di colonna sonora.. sennò non mi sfornavi sta bellezza! Bravo hombre!

    RispondiElimina
  2. Uhuhuhu...ma che spettacolo! Fidati, bellissima. E ....la politica conta ormai solo perchè conta la tv...e stop. Mi fermo qua che è meglio.

    RispondiElimina
  3. Diciamo che ho trovato lo stesso una buona colonna sonora ^^

    E.

    RispondiElimina
  4. @Laura: tanto penso che quello che c'è da dire sia già stato scritto qua sopra, no?!

    E.

    RispondiElimina
  5. diciamo di sì...hihihihi ;)

    RispondiElimina
  6. @Laura: il diciamo mi preoccupa :-)

    E.

    RispondiElimina
  7. grandissimo Secco!!! hai detto tutto tu e in un modo superbo!!!!! sono d'accordissimo con te.... ti stimo!!! e tanti auguri a noi... ai giovani e ai meno giovani che pensano con la loro testa!!!!!

    RispondiElimina
  8. Bel post, hai espresso molto meglio di me quello che intendevo io nel post di ieri :)

    RispondiElimina
  9. @Lumaca: però non buttarti giù eh?! :-) il tuo post era molto ma molto bello!

    E.

    RispondiElimina
  10. Tutto verissimo...ma non si festeggiano solo gli ultimi decenni. Io la vedo più come un ricordare chi veramente ci credeva nell'Italia unita...per fortuna la nostra storia non è fatta solo da Mr B & Co. .
    E allora festeggiamo chi ci ha uniti, e facciamo un in bocca al lupo a questa Nazione, che ha tanto bisogno di una svolta.

    RispondiElimina
  11. Oggi, molto giustamente, sui blog intelligenti andavano molto sia Caparezza che Gaber. Ma penso che il meglio in assoluto sarebbe sempre Imagine di John Lennon, dove dice NO COUNTRIES. Sì, facciamo gli auguri, oggi e sempre, a tutte le belle persone che pensano con la loro testa, fregandocene di vetusto ciarpame come il patriottismo dei miei cogl****... :D
    Nazionalità e patrie, proprio come le religioni, sono brutte cose che DIVIDONO.
    A me va già stretta l'Europa, e non è che me ne freghi molto degli eroi che ci hanno imposto di venerare alle elementari e alle medie perché si sono fatti sventrare per sottrarci agli austriaci, che ci governavano magari un po' meglio dei cirino pomicino e dei berlusca...
    Evviva i cittadini del mondo. Anzi, dell'Universo. :-)))

    RispondiElimina
  12. mi sa che tanta gente si confonde. pensa che 'tanti auguri italia' voglia dire 'tanti auguri ai politici italiani, alla politica italiana, ai 150 anni di pizza spaghetti e mandolino'.
    scusatemi, non voglio essere offensivo o che, ma non avete capito un cazzo.
    l'italia non è berlusconi. l'italia non è la politica. l'italia non è la mafia porco giuda.
    l'italia siamo noi. l'italia è tutte quelle belle persone che hanno amato questo paese nonostante tutto. quelli che ci credevano al nostro paese. quelli che hanno lavorato per il nostro paese.
    quindi sì, almeno per oggi, fanculo i clichè e gli stereotipi e il 'politicamente corretto' e la destra e la sinistra e TANTI AUGURI ITALIA.

    RispondiElimina
  13. all'estero siamo anche conosciuti per tante altre cose. in questo momento mi vengono in mente solo politici & escort, ma sono sicuro ci sia anche qualcosa di più positivo, basta solo pensarsi molto ma molto attentamente.

    no, non mi viene in mente niente °__°

    RispondiElimina
  14. * dr. nick

    c'è anche chi capisce benissimo, ma preferisce pensare "l'Europa (o la Terra) siamo noi". c'è qualcosa di male? è così obbligatorio il nazionalismo? che posso farci se a me puzza di trombonico ciarpame anche quando è visto in senso positivo?

    RispondiElimina
  15. @Nanìa: non mi trovo molto d'accordo con quello che dici. Certo, l'Italia non è solo quella degli ultimi decenni, ma questa situazione è certamente il periodo in cui vivo... e qui penso di averti risposto :-)

    E.

    RispondiElimina
  16. @Zio Scriba: secondo me il discorso della nazionalità non è malvagio in sé, in quanto una persona che ha testa non la userà mai come pretesto per discriminare altri esseri umani. Alla fine cosa sono gli stati, solo dei confini amministrativi che portano al loro interno un certo tipo di cultura e di storia, ma sentirsi parte di un gruppo non vuol dire per forza estraniarsi dalle altre meraviglie del mondo o, come dici tu, dell'universo.

    E.

    RispondiElimina
  17. @dr. nick: penso che sia proprio quello che ho scritto nell'ultimo paragrafo.

    E.

    RispondiElimina
  18. @Marco (Cannibal Kid): bello eh?! Quello che è certo, però, è che conoscono i nostri monumenti meglio di noi XD

    E.

    RispondiElimina
  19. @zio scriba: scusami, non volevo sembrare aggressivo, è un commento che ho buttato giù di getto e a rileggerlo ora forse poteva risultare offensivo. colpa mia.
    ciò che volevo esprimere era il fatto che volenti o nolenti l'italia esiste, noi siamo italiani e almeno oggi sarebbe stato bello ricordare i momenti e le persone di valore del nostro paese.
    almeno oggi mi sarebbe piaciuto non dover spalare la merda che quotidianamente politica-chiesa-stato ci gettano addosso. tanto quello l'abbiamo fatto ieri e lo faremo domani. e continueremo a farlo, perchè non so voi, ma io la loro cacca non la voglio davanti a casa mia.
    per cui rinnovo i miei auguri all'italia bella, quella che il nostro buon secco ha perfettamente descritto nel suo ultimo paragrafo :)

    RispondiElimina
  20. @dr. nick: in effetti il tono del commento era brusco a dir poco ;-)

    E.

    RispondiElimina
  21. mi sento tra i festeggiati che hai descritto quindi accetto gli auguri :) e li faccio anche a te!!! P.S. mi prendo un po' di tempo per leggere scacco al fante 1 e 2. Sono fuori per il week e giro con una pennetta :(

    RispondiElimina
  22. @TuristadiMestiere: ma grazie :-) non preoccuparti... prenditi tutto il tempo che vuoi, tanto entro domenica finisco di pubblicarlo ;-)

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.