19 febbraio 2011

Ripensando alle origini del blog

sottofondo: Eddie Vedder – Guaranteed

Stop_time_III_by_vimark

Stasera sono troppo stanco per andare avanti nella scrittura del nuovo racconto, quindi eccomi qui a tentare di dar vita ad uno di quei post che tanto mi piaceva scrivere nei primi mesi di vita di questo blog. Post spontanei, eravamo solo io e il computer, solo la mia mente e le mie dita, ed il cervello forniva solo quegli elementari stimoli per permettere al mio corpo di scrivere qualcosa; per il resto… be’, forse ve lo ricorderete, erano pensieri in libertà. Come testimoniava il primo sottotitolo di questo blog, prima che si aggiungesse la frase «Esperando un Duende», quando c’era solo quel «Todo para la diversión» a testimoniare che in questo spazio non c’era posto per pensieri raffinati e ingurgitati dall’umano raziocinio per ore e ore, ma solo le prime cose che mi passavano per la testa.
Questo mi è sempre sembrato un buon esercizio, dico quello di riuscire a far ordine in un flusso di pensieri che ha come unico scopo d’esistenza la libertà di vagare dovunque voglia, almeno per quella mezz’oretta di scrittura alla sera (magari con una buona tazza di tè caldo alla vaniglia), e scrivere dell’ordine creato a questo scopo.

Ed ecco che mi si profila davanti l’immagine di quel treno che rappresentava simbolicamente quei viaggi mentali che mi facevo ogni volta che cominciavo a scrivere… quanto tempo sembra essere passato. Ricordo ancora quando scrissi nel mio primo post su Emanuele Secco’s Blog:

«Perché l’immagine del treno: il locomotore è il flusso dei miei pensieri e le rotaie rappresentano il blog. Questo blog sarà una rotaia su cui scorreranno pensieri di ogni genere e le stazioni saranno i vari articoli, spazi che potete commentare dando il via ad una discussione su ciò che le rotaie hanno portato al blog.»

Be’, devo dirvela tutta… gran bella presentazione.
No, vi sbagliate, non sto peccando di immodestia, ma dai ammettiamolo… per essere uno che non sapeva cosa stava facendo (eh sì, questo blog è il prodotto di un momento di follia) non è affatto male. Per uno che non si sarebbe mai aspettato che il suo neonato spazio virtuale sarebbe diventato una delle sue principali occupazioni; per uno che non si aspettava minimamente che con la scrittura delle sue sensazioni ed emozioni avrebbe battuto alla grande il suo blog più vecchio (fino ad abbandonarlo definitivamente o quasi, come mi piace ancora dire) quelle parole sembrano essere semplicemente la botta di culo del novello scrittore, quelle poche righe scritte bene in mezzo a tanta merdaccia. Invece, cari lettori, proprio mentre scrivo questo post con davanti quelle semplici ed innocenti parole, mi rendo conto che quel piccolo paragrafetto è stato forse un segno, una piccola traccia involontaria che la mia passione nascosta mandava in perlustrazione prima di poter finalmente uscire alla luce del sole.
Quanti bei ricordi, senza ovviamente nascondere il fatto che la lacrimuccia di ricorrenza è lì lì per scendere.

Eccolo lì, altro pensiero che mi assilla da tempo: la scrittura di una mia presentazione vera e propria. Mah, forse un giorno troverò la voglia di mettermi lì a scrivere un po’ su di me.
Per ora è tutto, e sono ben contento che il treno continui a viaggiare.

 

E.

4 commenti:

  1. Scrivere su se stessi non è mai facile ma ti assicuro che è parecchio divertente... si possono scoprire cose molto interessanti... ;) provare per credere! :P

    RispondiElimina
  2. Quando scopro un nuovo blog, vado sempre a ricercare il primissimo post. Credo che riesca a dire molto sulla persona che c'è dietro le parole, che sia il riflesso di un pensiero immediato o il frutto di una lunga elaborazione (anche questa è una scelta)... Sì, la raffigurazione della tua "creatura" è veramente bella: un flusso che va canalizzato... E a quanto pare la SUA strada la sta pian piano trovando!! Che sia proprio lui, tacitamente, a suggerire tutto questo susseguirsi di nuove idee; a richiedere, per mezzo della voce di quanti vi interagiscono (i passeggeri?? :P), cosa custodire... Che dire, buona continuazione del Viaggio!!

    RispondiElimina
  3. Questo post ha risvegliato anche i miei ricordi, la nascita del mio blog, la spontaneità, che mi rendo conto si è andata perdendo.
    Era da tanto che non venivo a farti vistita, mi piace la nuova versione, da una sensazione piacevole ed i colori non stancano.
    E' vero, è difficile scrivere su noi stessi perchè per farlo ci tocca fermarci e siamo costretti a fare due conti, ma spesso non siamo pronti ad ascoltarci veramente. Al momento giusto succederà.

    RispondiElimina
  4. Ed eccomi qua finalmente :-)

    @Giulia: uno di questi giorni (fino al 7 marzo) proverò a farlo di sicuro, visto che fino a quella data le lezioni col cavolo che ricominciano...

    @Refuge: commento straordinario, era proprio quello che intendevo come concetto di treno, stazione e passeggeri :-)

    @Galatea: ma guarda chi si rivede (a dire la verità anch'io non vengo da un bel po' sul tuo blog). Eh sì, sto curando in modo particolare la grafica, per far sì che leggere un post non debba essere un'esperienza faticosa, ma come leggere la pagina di un libro (forse i colori lo ricordano). Mi sa che tu sei rimasta ancora alla vecchia versione "TUTTO VIOLA" :-)


    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.