22 gennaio 2011

Ansa: Vaticano a testa in giù. La Santanchè urla: «Non è una novità!»

COA0005

ROMA - Milioni di fedeli sono rimasti attoniti dopo aver appreso la notizia che la Santa Sede, in realtà, si trovi da millenni a Tokyo invece che a Roma.
Giunti nel luogo in cui si pensava si trovasse la Basilica di san Pietro, i nostri cronisti sono rimasti attoniti nel trovare solo uno spazio cosparso di bagni pubblici.
Il commento del Papa a riguardo è stato sintetico: «Che ficata! Tutti a ttestta in ciù! E io che penzavo che Terra fozze ppiatta come eine pizza!». Poche parole, ma potenti. Un gran comunicato, quello di Benedetto XVI, capace di tranquillizzare i fedeli di tutto il mondo. In arrivo per domani le foto del papa e di tutti i cardinali con in mano una ciotola di riso fatta a croce.

Le reazioni provenienti dal mondo politico non sono mancate (e come potrebbero?).
Il premier Silvio Berlusconi, uscendo da Palazzo Grazioli con indosso un impermeabile e baffi finti, ha confermato per l’ennesima volta la sua volontà di andare avanti col governo nonostante questi cambi di locazione dovuti all’azione dei giudici comunisti. Dietro di lui, il ministro Bondi che ci assicura subito la sua estraneità ai fatti, un po’ come per quanto riguarda i crolli di Pompei e la mancanza di fondi da dedicare alla cultura italiana. Più duro, invece, il commento di Capezzone, portavoce del Pdl: «Gli italiani si rendano conto, e ne siano ben consci, che la sinistra è il vero cancro per questo paese, avendo infettato persino la magistratura e le fondamenta della fede cattolica».
La prima e unica dichiarazione che ci perviene dall’opposizione, invece, è del segretario del PD Bersani, preoccupato per le conseguenze che questa vicenda avrà sulla percezione della moralità in Italia, in quanto «il fatto dimostra ancora di che pericolo rappresenti Berlusconi per la democrazia, essendo riuscito persino a spostare un simbolo di fede in uno Stato a noi estraneo. Oh ragazzi! Ma siamo pazzi?!».

Decisive però le parole di Daniela Santanchè, sostenitrice della Casa Bianca di New York, che ai nostri microfoni ha urlato che per il Vaticano non si è trattato di uno scambio improvviso di location, ma di un fatto assodato ormai da anni e che «adesso vorrei vedere le facce di coloro che mi hanno sputtanato in giro dopo la mia rivelazione ad Annozero riguardante la Casa Bianca. Vedrete, domani scoprirete che la torre Eiffel in realtà si trova a Buenos Aires…».

 

 

E.

4 commenti:

  1. Bersani leader?
    E' più facile che il vaticano si sposti su una luna di Giove.

    RispondiElimina
  2. ahahahahahahah indubbiamente :-)
    Dai che domani verrà fuori che il Monte Rushmore in realtà si trova sull'Isola di Pasqua XD

    E.

    RispondiElimina
  3. Io ero arrivato a PAPA CAZZONE RITORNA AD AVIGNONE, ma per mandarlo addirittura a Tokyo ci volevi tu...

    p.s. ma davvero la San Purscé pensa che la Casa Bianca stia a New York? Non me ne stupirei... :D

    RispondiElimina
  4. @zio_Scriba: eh certo! Alla fine è partito tutto dalla Santanchè convinta che la Casa Bianca fosse a New York XD
    In realtà il papa volevo spedirlo ad Okinawa o addirittura ad Iwo Jima, ma poi ho optato per qualcosa che tutti conoscono :-)

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.