10 dicembre 2010

Ultimo ossequio

sottofondo: Queen – The show must go on

desperate

Vuoti spazi dell’ipocrisia,
paesaggio impercettibile,
senza speranza scrivo
il mio ultimo ossequio.
Spettacolo di luci e ombre,
manna per gli stolti,
parole vuote e sorde.

Cingo la tua vita,
cercando una parvenza di realtà,
cerco di tirarti a me, ma svanisci in fumo
lasciandomi le dita fredde di bianco vapore.

Caldo contatto,
ardente desiderio,
circumnavigando la città degli idioti.
Le mie parole sono impalpabile fumo,
sinuose curve nell’aria pesante di umidità,
impazzisco a questo pensiero.

Davanti allo specchio appannato
percepisco la mia sagoma
e il freddo metallo che stringo tra le dita.
Tra poco tutto avrà fine,
un secondo lungo una vita,
poi spiegherò le mie ali,
e addio a tutti.

Disse il cantante morente,
con parole vigorose e musicali,
che lo spettacolo deve continuare.
Per me no, non v’è più niente che conti,
niente per continuare a lottare,
niente ha più importanza.

Mondo vacuo e algido,
affranto mi accingo
all’estremo gesto.
Sono stato felice in vita,
per anni e anni non ho vissuto rimorso alcuno,
ma ora vi lascio al vostro destino.

Che questo sparo vi scuota,
maledetti idioti,
che vi possa trapassare il cranico vuoto,
che sia la scintilla per un nuovo principio,
che sia luce nell’ipocrita verità regnante.

E voi,
dannati confessori,
testimoni corrotti e porci incestuosi,
possa il vostro dio farvi bruciare,
possa il vostro dio farvi patire,
possa il vostro retrogrado pensiero
morire con voi.

E voi,
squallidi politicanti,
accecati dalle puttane e dal potere,
possa il denaro portarvi alla rovina,
possa uno sparo infliggervi
la stessa ferita che affligge il mio cuore.

Addio,
e come disse Frank,
la mia vita
l'ho vissuta a modo mio.
Addio.

 

E.

10 commenti:

  1. meravigliosa Secco.. ma, mi devo preoccupare? O.O

    RispondiElimina
  2. Per ora si tratta di semplice ispirazione :-) ho già rassicurato la Lola :-)

    E.

    RispondiElimina
  3. Ok. Perfetto. Ti faccio i complimenti perché le tue parole esprimono una realtà così vera che per un attimo giuro che me la son fatta sotto.

    RispondiElimina
  4. Eh bestia! Questo è il complimento più grande che tu mi potessi fare :-) Mi hai reso veramente felice di ciò :-)

    E.

    RispondiElimina
  5. Il paradosso di chi scrive addii così belli è che NON PUO' andarsene: deve restare qui a scriverne degli altri. Altrimenti ci incazziamo.

    RispondiElimina
  6. beh, a me sono venuti i brividi quando l'ho letto, il segno della matita sulla carta ingiallita con le righe di 3^ elementare mi ha quasi fatto venire un colpo...
    è scritto talmente bene.... :(

    RispondiElimina
  7. ammappete.... preoccupante.... come ogni sana poesia

    RispondiElimina
  8. Veramente interessante questa poesia, le ultime strofe sono anche molto cariche o no? :D
    Hai cambiato stile di colpo.. a detta mia, preferisco il primo stile più tranquillo e, per quanto possa esserlo, armonioso.

    Ciao Mannu!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda chi c'è :) Diciamo pure che questa è stata una delle mie prime, e la giornata non era delle migliori ^^

      E.

      Elimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.