7 novembre 2010

Passi di libri, passi di vita - Sulla tolleranza


E rieccomi qui con la mia rubrica preferita.
Come un bel po' di italiani, ai quali non manca il senso per un'occasionale buona lettura (e qui cito la mitica Veronica), mi sono deciso a seguire la collana dal titolo I classici del pensiero libero proposta dal Corriere della Sera. In cosa consiste: ogni giovedì e sabato, potrete acquistare ad un solo euro in più al prezzo del giornale uno dei libri che hanno elevato il pensiero dell'uomo.

Essendo piuttosto incuriosito di questa bella iniziativa, giovedì mi recai in edicola a comprare la prima uscita, e mi trovai tra le mani Sulla tolleranza di Voltaire, un libro diventato ormai un manifesto del pensiero illuminista e della libertà di pensiero.
Un libro che, partendo da un famoso caso di omicidio che ebbe per protagonisti un figlio assassinato ed un padre di religione protestante accusato e condannato per l'omicidio in quel di Tolosa, analizza il concetto di tolleranza (anche dal punto religioso) e arriva a definirla come prima prerogativa dell'umanità.
L'estratto che oggi vi voglio proporre è il seguente:

"Il diritto dell'intolleranza è quindi assurdo e barbaro; è il diritto delle tigri; anzi, è anche più orribile, perché le tigri non sbranano che per mangiare, mentre noi ci siamo sterminati per dei paragrafi."

Questo estratto di poche righe può tranquillamente rappresentare una sorta di riassunto dell'opera intièra; uno scritto che, sebbene siano passati duecentocinquant'anni dalla sua scrittura, rimane attualissimo e somma fonte d'ispirazione per coloro che desiderano un mondo non "appecoronato" al primo potente di turno.
Buona lettura ;-)


E.

2 commenti:

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.