8 luglio 2010

Rammstein: scrivo alla redazione de L’Arena

rammstein 

Ciao a tutti, qui vi propongo la lettera che ho deciso di spedire alla redazione del giornale L’Arena, quotidiano del veronese. Vediamo se hanno il coraggio di pubblicarla.
Qui i due articoli riguardanti il concerto: 1, 2.

Della serie “non sappiamo come screditare e allora scriviamo e sparliamo su cose che accadrebbero ovunque”.
Il mio racconto inizia giovedì 1/07/2010, in occasione del concerto dei Rammstein a Villafranca. Io rimasi fuori dal castello, purtroppo, non avendo i soldi per comprarmi il biglietto. Da quello che potei vedere, mi recai al castello già dalle 17.30 del pomeriggio, non vi furono disordini o cariche della polizia. “Bene”, pensai, “siamo riusciti a far capire alla bigotta popolazione di Villafranca che non devono temerci e che i loro pregiudizi medievali sono infondati”, ma in cuor mio sapevo di sbagliarmi.
Il giorno dopo, anche se sull’Arena compariva il titolo “L’invasione del popolo dei Rammstein, allarmismo ingiustificato”, mi capitò di sentire veri e propri attacchi verso coloro che assistettero al concerto anche solo per il modo di vestire che avevano adottato o semplicemente “per la faccia che avevano”. E’ proprio vero che la gente quando vuole parlare male di qualcosa che non capisce o che odia, tira fuori di tutto.

Una settimana dopo leggo sull’Arena: “CON LA DROGA AL CONCERTO DEI RAMMSTEIN”. Quello che mi sono chiesto è: perché non parlare anche degli altri concerti o festival che si tengono e in cui circola droga(praticamente tutti)? Premetto che non sono a favore dello spaccio di droga.
Allora mi sono dato una risposta: l’Arena è un giornale locale e, in quanto tale, rispecchia i sentimenti della popolazione che lo legge. Un popolino che, accusando i “metallari” di essere satanisti drogati, permette ai propri figli di frequentare discoteche come l’ALTEREGO, si vede che ci siamo già dimenticati di cosa venne scoperto la dentro. Un popolino così ottuso che non capisce che ad ogni concerto gira droga, inevitabilmente, anche con nomi come Vasco Rossi, Rod Steward, Litfiba e Gigi d’Alessio. Un popolino avvezzo al bigottismo e falso moralismo, una corrente di pensiero pareggiabile al veleno, in quanto crea odio contro il diverso e verso ciò che non si riesce a capire. Vi sentite tutti dei piccoli Benedetto XVI, ma nel privato ne combinate una più di Charles Manson, oppure non ne combinate neanche una e, sentendovi frustrati per ciò, riversate il vostro odio su coloro che si sentono liberi.
E ora, prima di criticare ancora, guardatevi allo specchio e domandatevi: “ma io sono meglio di loro?”.

Ringrazio per l’attenzione e porgo cordiali saluti.

Bene, la palla è stata lanciata. Adesso mi aspetto le risposte della Villafranca Bene.

E.

5 commenti:

  1. Grande è fantastico, sono proprio curioso della risposte

    RispondiElimina
  2. La mia posizione rispetto all'uso e alla vendita di droghe pi... Mostra tuttoù o meno leggere è abbastanza risaputa e di tendenza fortemente liberale. Ma il punto è: qualche tizio si è fumanto una canna guardando il concerto. E allora? No perchè il centro del discorso è quello. Si è parlato di un concerto che doveva portare alla distruzione della città (città sto cazzo) di Villafranca e invece è ancora li in piedi. Quindi tutti zitti. E mi venite a dire che il problema di far suonare gruppi come i Rammstein al Castello è che qualche stronzo si fa una porra guardando uno show sensazionale che, non dimentichiamolo, ha portato borse piene di soldi a tutta villafranca? Ma andate a prendervelo nel culo. I pregiudizi sul mondo del rock e del metal sono triti e ritriti, quindi comprendo la necessità di invertarsi cose nuove. Ma se questo è il meglio che sanno fare, allora non abbiamo nemmeno un avversario degno di questo nome. Avete paura di personaggi vestiti di nero che si mettono in coda per vedere un concerto? Statevene a casa. Cazzi vostri. Li potete fare quello che cazzo volete. O mandate in chiesa i vostri figli che li sicuramente sono tranquilli. O ancora meglio in discoteca, che li droga non ne gira. La verità è che se un ragazzo è educato bene, può passare 7 sere a settimana corcondato da spaccini di eroina, che se è intelligente quella merda non la guarda nemmeno. Quindi pensate all'educazione dei vostri figli che forse fate un bene. Il "nemico di maggior classe" noi ce lo meriteremo su serio.

    RispondiElimina
  3. eh beh....dovevamo devastare Villa...sì, come no

    RispondiElimina
  4. Quelle che dicono i giornali sono tutte cazzate, al concerto dei Rammstein su... che ne so 4000 spettatori ne hanno trovati solo 60 con indosso solo droghe leggere come marijuana ed hashish, e allora, io non so la differenza tra le droghe, ma queste che vi ho elencato le fumano ovunque voi andiate, non solo a questi concerti, provate ad andare nelle grandi piazze delle città, quello che mi fa incazzare poi e che se si va in discoteca ne trovate minimo 100 imbottiti di cocaina.....
    Cari giornalisti italiani, mi cadete su tutto, ovviamente io sono contro l' uso delle droghe, ma questa volta l' avete fatta grossa

    RispondiElimina
  5. @rammsteinfan: hai riassunto in poche parole quello che ho voluto dire nella lettera :-)
    Grazie per il tuo commento!

    E.

    RispondiElimina

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.