14 giugno 2010

Grafica nuova = aria nuova…ma i temi saranno sempre gli stessi

duende

Titolo molto esaustivo. Eh già.
Sì ok ve ne sarete accorti, e se non ve ne siete accorti vi vengo a mordere le chiappe di notte: ho cambiato grafica al blog. Perché? Voglia di aria nuova. Cominciavo a sentirmi un po’ stretto nel tema grafico che adottavo prima. Adesso ho optato su una grafica minimale, ma sempre bella(almeno secondo il mio punto di vista), e diretta; perché, in fin dei conti, io sono così: o vi piaccio o non vi piaccio, senza ghirigori e leccate inutili.

Aria nuova non vuol dire niente racconti; quelli ci saranno sempre, tempo permettendo.
Aria nuova non vuol dire niente musica, svacchi vari e ricordi: il blog non cambierà di una virgola. Sarà sempre una raccolta di pensieri, a volte profondi a volte cazzari, che chiederanno solo di essere letti da voi.

Forse i più acuti di voi si saranno accorti che, da qualche mese, ho cambiato il sottotitolo del blog in “Todo para la diversión…”, un modo come un altro per far capire anche agli ispanofoni che il blog è opera di un cazzaro desideroso di pubblicare il frutto del suo cazzeggio. Oggi ho deciso di aggiungerci una seconda parte: “esperando un duende”(aspettando un folletto/troll). Per come la vedo io, la nuova parte che ho aggiunto aggiunge un tocco di classe all’intento che ha il blog.

Forse è meglio che vi spieghi cosa si intende per duende: la parola può essere intesa come folletto, o analoga figura nella mitologia spagnola, oppure come un concetto legato al flamenco. In quest’ultimo significato ha a che fare con le emozioni e autenticità. Lorca scrisse: “Il duende è un potere e non un agire, è un lottare e non un pensare”, come dire che il duende è insito in tutti noi, ma sta a noi liberarlo e lottare perché la sua voce si senta(ma di questo ho già parlato in una mia riflessione di qualche mese fa). Da qui potete facilmente intuire la sinergia che è venuta a crearsi con il sottotitolo precedente: praticamente perfetta(a voi l’ardua sentenza).

Che posso dire ancora…il treno di pensieri è ancora in viaggio, anche se costretto a fermarsi per un buon numero di volte, quindi continuerò a scrivere e scrivervi, firmandomi semplicemente

E.

1 commento:

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.