1 febbraio 2010

Rotaie e Violini Dimenticati…

"TU-TUN TU-TUN…TU-TUN TU-TUN…TU-TUN TU-TUN…
Il treno è a pieno regime,
I binari sgombri,
La stazione vicina…
e di carbone ve n’è una buona scorta."

"E intanto lui corre, il treno di pensieri al quale accennavo nel primo post di questo blog. Le rotaie non sono come quelle delle ferrovie italiane…qui non c’è ghiaccio o neve che possa renderle impercorribili dal treno.
Spala macchinista, imbrattati la faccia di nera fuliggine..

Il locomotore corre, accelera e poi rallenta…la stazione è in vista…"

Che cosa c’è….uuuuhu uuuuuuuhuuuuuuuu…c’è che mi sono, innamorato di teeeeeeeeee! Ma bello il mio blog, chissà quante cazzate ti tocca contenere eh?!
L’ argomento di oggi è: non lo so. Ma si ma si…lasciamo che le parole fluiscano liberamente(mi riesce un po’ difficile in questo momento).
Oggi ho sostenuto l’esame scritto per il livello B1 di competenza nella lingua Inglese. Era forse un po’ troppo difficilino…poi considerando che non toccavo l’inglese da più di 3 anni, la situazione si fa ancora più ardua.
Beh dai, speriamo di passarlo; così almeno posso fare l’orale e poi: via libera verso Gagliardiiiiiiiiiiiii(esame di Lingua Inglese I).

Violoncelli, violini e violette...viola come lo sfondo di base del blog, violoncello come Bach e violino come Stradivari. Amo la musica classica…una passione viscerale che in molti non riescono a non capire; i giovani di oggi si ritengono troppo moderni e astuti per sedersi su una poltrona a gustarsi una qualsiasi delle sinfonie di Beethoven. Non hanno capito che in quegli spartiti è racchiusa tutta la storia della musica, tutta la passione che un uomo può esprimere, tutte le gocce di sudore che sono state riversate sullo spartito e sul pianoforte al momento della scrittura.
Dei buoni film che racchiudono una buona dose di musica classica sono Amadeus, lungometraggio autobiografico su Mozart, e Shine, pellicola ispirata alla vita del pianista australiano David Helfgott.
Ciò che dovrebbe essere ricordato e tramandato viene ormai dimenticato. La storia diventa leggenda, la leggenda diventa mito e una musica che non dovrebbe essere dimenticata trova sempre meno consensi anche tra i giovani della mia età. Strano vedere come, anche nella musica, il vecchio riceve sempre meno rispetto dal più giovane.

E.

Nessun commento:

Posta un commento

Cari lettori, ho deciso di aprire i commenti anche agli utenti anonimi però, vi chiedo per favore, firmatevi. Così almeno potrò chiamarvi per nome e non "Anonimo".
Vorrei inoltre ricordare che non siamo qui per insultarci e/o insultare a caso, ma solo per esprimere le nostre opinioni(che non contengano insulti gratuiti ed espliciti riferiti al contenuto dei post). Commenti con insulti al sottoscritto o alle persone che commentano i post verranno sistematicamente cancellati, oppure potrei tenerli ma solo per sfottervi un po'.


E.